lunedì, Giugno 14

Zingaretti gioca con Berlusconi e Di Maio Zingaretti dal 2021 potrà praticare la politica ‘dei due forni’: di volta in volta ‘convincere’ i riottosi M5S e Italia Viva di Matteo Renzi, appoggiandosi a Berlusconi; a Forza Italia conviene. Un ‘fare’ facilitato da una sostanziale evanescente opposizione

0

Quella di Nicola Zingaretti è la strategia del ragno: cauto, prudente, tesse la sua tela; attende la sua vittima, e l’arpiona quando più si sente sicura. Lascia, paziente, che il tempo lavori per lui… Finora questa strategia, di apparente fiato corto, hapagato’. Zingaretti condivide la ‘filosofia’ del suo guru Goffredo Bettini: che, con cinico realismo ereditato dalla migliore scuola togliattiana, suggerisce di operare tenendo conto che in politica non sono tanto i desideri a contare, piuttosto i rapporti di forza; e quello che nel concreto si può fare.

E’ così che Zingaretti, un tempo refrattario a qualsivoglia intesa con il Movimento 5 Stelle, salda ogni giorno una intesa con Luigi Di Maio, caposcuola dei grillinirealisti’, ben incollati nelle poltrone governative. Entrambi sono consapevoli che al momento non c’è alternativa credibile all’esistente; così, in nome della sopravvivenza, ognuno puntella come può e sa il governo di Giuseppe Conte.

L’obiettivo di Zingaretti è garantire che l’attuale legislatura segua il suo corsonaturale’. Così l’attuale Parlamento potrà eleggere il nuovo presidente della Repubblica, e scongiurare che possano esserci da non gradite sorprese per le prossime importanti nomine alla Corte Costituzionale e al Consiglio Superiore della Magistratura. Solo così Zingaretti potrà consolidare la sua rete di potere all’interno del Partito Democratico. Solo così Zingaretti potrà sperare di avviare e realizzare quelle riforme che gli possono consentire di presentarsi all’elettorato con qualche ‘credito’, e sperare di erodere una quota di consenso da un centro-destra che, ancora, appare maggioritario nel Paese.

E’ vero che le simpatie verso la Lega di Matteo Salvini si stanno riducendo; ma al momento restano nel campo conservatore, a beneficio dei Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni.
Silvio Berlusconi, nel tentativo di salvare Forza Italia dall’estinzione, ma soprattutto preoccupato per il futuro delle sue aziende, fa di tutto per smarcarsi; al tempo stesso resta formalmente ancorato nel centro-destra. Un difficile gioco di equilibrio, ma è l’unica carta che Berlusconi può giocare.

Tassello dopo tassello, Zingaretti sistema le tessere del suo mosaico. Ora si impegnerà nella legge di stabilità economica: profitterà dell’annunciata disponibilità di Berlusconi e delle contraddizioni in seno al M5S; la montagna grillina, al termine dei suoi Stati Generali, partorisce il solito topolino.
I bellicosi propositi annunciati dalla coppia Davide Casaleggio-Alessandro Di Battista sono rientrati, e non poteva essere altrimenti. Per quanto Casaleggio controlli la piattaforma Rousseau, sono le auto-tassazioni dei parlamentari grillini che la alimentano; e Di Maio controlla buona parte dei deputati e dei senatori, la loro speranza di poter continuare a essere parlamentari è legata alla strategia ‘governista’ di Di Maio.

Passato il Natale, e con l’opinione pubblica distrattadalla possibile e già annunciata terza ondata della pandemia, Zingaretti e Di Maio metteranno mano agli altri dossier aperti: primo tra tutti, la RAI TV. Sulla graticola i vertici, a cominciare dal Presidente e dall’Amministratore delegato. Il conteggio alla rovescia è già cominciato, showdown previsto: primavera.
Zingaretti dal 2021 potrà praticare una politica che si può definire, riesumando una formula da prima Repubblica, ‘dei due forni’: di volta in volta ‘convincere’ i riottosi M5S e Italia Viva di Matteo Renzi (sempre più disperatamente alla ricerca di visibilità) a ingoiare certi rospi, appoggiandosi a Berlusconi; a Forza Italia conviene: di volta in volta cercherà intese con il PD per connotarsi come forza politica ‘responsabile’, guadagnare postazioni di potere reale nelle inevitabili spartizioni, per pesare di più all’interno del centro-destra…
Unfarefacilitato da una sostanziale evanescente opposizione: sia Salvini che Meloni sono molto loquaci e capaci nell’arte dell’‘apparire’; ma la loquacità quasi mai corrisponde a una concretezza del ‘fare’ e dell’essere credibile alternativa all’esistente. Il populismo autoritario (sia pure teorico e/o teorizzato), alla lunga non paga. La parabola di Donald Trump dovrebbe pur insegnare qualcosa. Perfino ai trumpiani de Noantri…

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->