mercoledì, Maggio 12

Yi Gang, ecco il nuovo governatore della Banca centrale cinese A lungo vice governatore,  rappresenta una scelta destinata a rassicurare i mercati, in continuità col riformatore Zhou Xiaochuan

0

Yi Gang è il nuovo governatore della Banca centrale cinese (Pboc). A lungo vice governatore,  rappresenta una scelta destinata a rassicurare i mercati, in continuità col riformatore Zhou Xiaochuan, che lascia l’istituto dopo 15 anni.

Dopo essersi laureato all’Università di Pechino in Economia, il 60enne Yi Gang ha svolto un dottorato di ricerca all’Università dell’Illinois e insegnato in quella dell’Indiana. Ospite regolare dei grandi summit finanziari, è stato lui a rassicurare il mondo nel 2015 dopo il brusco deprezzamento del renminbi che aveva diffuso il panico sui mercati.

Dal 2008 vice del governatore uscente, sulla carta Yi Gang è la figura più accreditata per continuare la sua lenta ma efficace liberalizzazione della politica monetaria della Cina, rassicurando così i mercati internazionali. Infatti visti i preoccupanti livelli di debito accumulato nel Paese, Xi Jinping ha messo la riduzione dei rischi finanziari tra le priorità della sua agenda. E il nuovo governatore dovrà cercare un regolazione del credito più efficace e trasparente, senza frenare la crescita, essenziale per la stabilità del potere del presidente.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->