martedì, Ottobre 19

Yemen, dove le vittime di guerra sono soprattutto i bambini

0

La guerra civile in corso nello Yemen dal 2014 sta continuando ad aggravare una situazione già di per sè preoccupante. Secondo il report di Watchlist on Children and Armed Conflict e Save the Children presentato all’ONU recentemente, i bambini, privati di assistenza, cure immediate, beni di prima necessità, sono le prime vittime innocenti del conflitto.

L’ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (UNOCHA) stima che da marzo 2015, da quando gli attacchi fra le due parti sono aumentati, più della metà della popolazione dello Yemen non ha accesso alle cure sanitarie di base. 18 milioni di persone, ossia il 69% della popolazione totale, hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria: di queste, 8,1 milioni sono bambini. Ma non basta per capire la tragedia in atto: 1500 circa infatti i bambini uccisi e i più di 2000 feriti e vittime di abusi.

E recentemente è anche stato lanciato l’allarme di un’imminente carestia, cosa che potrebbe far schizzare in alto il numero di vittime. E come sempre i primi ad essere vittima di questa situazione sono i bambini. E la guerra tra l’altro non risparmia proprio neanche le strutture sanitarie, che invece potrebbero alleviare le sofferenze della popolazione dello Yemen: secondo le stime della Croce Rossa, più di 160 attacchi son ostati compiuti contro ospedali e medici da marzo 2015 a marzo 2017. E si parla anche di uccisione di personale medico, furto di ambulanze, negazione del passaggio ai checkpoint di medicine, attacchi a medici mentre trasportano feriti e non solo, compiuti da entrambe le parti.

Ecco uno degli ultimi reportage dallo Yemen che fa capire come si viva nel Paese in pieno conflitto.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->