martedì, Settembre 21

Yara, pronta al debutto la prima nave cargo elettrica ed autonoma

0

E’ pronta per il suo debutto (nella seconda metà del 2018) la prima nave cargo elettrica e autonoma, prodotta dalla società norvegese Yara. Eh sì, perché la tecnologia non viaggia solo su due o quattro ruote, ma anche sul mare.

Le auto a guida autonoma ormai sono diventate realtà, anche se ci vorranno diversi anni ancora per vederle pienamente su strada. Ma ora si muove anche il settore dei trasporti su mare. La società norvegese Yara ha collaborato con la società di tecnologia marittima Kongsberg per la realizzazione di una nave portacontainer elettrica ed autonoma.

La nave container di nome Yara Birkeland porterà i prodotti chimici ed i fertilizzanti dagli impianti di produzione di Yara Prosgrunn alle vicine città di Brevik e Larvik. E se nel 2018 è previsto il funzionamento della nave con a bordo l’equipaggio, sarà nel 2019 che si passerà al funzionamento da remoto. Poi, se tutto andrà come previsto, nel 2020 si passerà alla modalità completamente autonoma. La Norvegia in questo senso ha siglato un accordo con le Autorità Costiere ottenendo il permesso di effettuare dei test con le navi autonome nel fiordo di Trondheim.

Gli esperti promettono importanti diminuzioni nel livello di emissioni inquinanti. «Con questa nuova nave container autonoma ed a batteria effettuiamo la transizione del trasporto dalla strada al mare e di conseguenza ridurremo il rumore e le polvere sottili, migliorando anche la sicurezza delle strade locali e le emissioni di NOx e di CO2», spiega Svein Tore Holsether, Presidente e CEO di YARA.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->