sabato, Settembre 18

Yahoo, i numeri dell’attacco hacker del 2013 salgono vertiginosamente 3 miliardi di account, ovvero il triplo di quanto inizialmente comunicato dalla società

0

Altro che attacco piccolo. Yahoo ha fatto sapere che gli hacker nel 2013 hanno colpito tutti i suoi 3 miliardi di account, ovvero il triplo di quanto inizialmente comunicato dalla società. La cifra aggiornata arriva a quattro mesi di distanza dal completamento dell’acquisizione di Yahoo da parte di Verizon.

Oath, il nuovo nome assunto da Yahoo, è arrivata a stabilire che il cyberattacco è stato molto peggiore del previsto dopo aver ricevuto informazioni da una società esterna, di cui non sono state fornite indicazioni. Anche se i dubbi su una revisione al rialzo del numero di account coinvolti era stato evidente sin da subito.

Tutto è iniziato nel settembre 2016, due mesi dopo che Yahoo aveva raggiunto un accordo per essere acquistata da Verizon: 500 milioni di account hackerati, ma nel 2014. Poco dopo aveva rivisto la data dell’attacco al 2013, poi a salire era stato il bilancio degli account, un miliardo. Ora, a distanza di mesi e con Yahoo non più indipendente, è aumentato ancora, fino a raggiungere i tre miliardi.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->