martedì, Aprile 13

Yahoo!, cessione vicina e perdite considerevoli field_506ffbaa4a8d4

0

Nel trimestre appena concluso (30 giugno) Yahoo! ha fatto registrare una perdita netta di $ 440.000.000 su un reddito di $ 1.31 miliardi di dollari. Come conseguenza diretta della perdita, la società ha comunicato anche la svalutazione del titolo Tumblr. Quello che potrebbe essere l’ultimo trimestre quotato in borsa di Yahoo! è associabile alla situazione di profondo cambiamento in corso nella società: a breve infatti termineranno le trattative per le cessioni delle attività internet del portale, tra le quali il motore di ricerca, l’email, la pubblicità (advertising) e la divisione di informazione. La CEO Marissa Mayer ha comunicato che si è in dirittura d’arrivo :«siamo in profondità nel processo di valutazione delle proposte e aggiorneremo i nostri azionisti», congratulandosi con i dipendenti della società (oltre 12.000) poiché «nonostante le avversità, la distrazione e l’incertezza per tutto il trimestre, hanno mostrato determinazione». Il rischio che si paventa infatti, dopo la cessione, è l’instabilità di circa 3.000 posti di lavoro.

mayer-yahoo

Negli ultimi anni la società aveva provato a rilanciare le attività internet, senza tuttavia ottenere dei successi concreti. Il temporeggiamento poi avuto nella cessione di queste ha causato un calo progressivo dei conti di Yahoo!, nonostante le ultime e innovative iniziative lanciate sul mercato, come l’app per viaggio “Radar” e i bot per Facebook Messenger. Nelle previsioni di Wall Street, la cessione si aggirerà intorno a una cifra di 6 miliardi di dollari e, tra i principali partecipanti all’asta, si sono distinti Verizon (azienda di telecomunicazioni) e Dan Gilbert (imprenditore e proprietario di maggioranza della squadra di basket NBA dei Cleveland Cavaliers).

(video tratto dal canale Youtube di ‘wochit Business’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->