mercoledì, Agosto 4

WWE, quando la rivoluzione femminile passa per il wrestling Il prossimo 28 gennaio a Philadelphia si terrà la prima Royal Rumble 'rosa' della storia

0

Il wrestling è sempre stato associato all’esibizione della forza maschile. Ma da qualche tempo non è più così, anzi si sta rivelando importantissimo per l’emancipazione femminile. Negli ultimi anni in WWE è in atto una vera e propria rivoluzione delle donne. Le vecchie ‘divas’ hanno lasciato il posto a nuove superstar femminili in grado di tagliare traguardi straordinari per il wrestling in rosa.

Le nuove donne, che rifiutano il termine divas, sono più talentuose, più abili al microfono e non solo. Le nuove ragazze di Raw e SmackDown sono state le prime a disputare un Hell in a Cell match, un Money in The Bank femminile e a lottare in Medio Oriente, per la prima volta nella storia. Ma la storia si farà soprattutto il prossimo 28 gennaio, quando a Philadelphia si terrà la prima Royal Rumble femminile della storia.

«Questa è un’opportunità, questa è una speranza. Tutte voi avete ispirato le donne in tutto il mondo, con la vostra passione e il vostro scintillante talento. Ma non è abbastanza», l’annuncio delle donne wrestler.

Insomma power to the women!

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->