mercoledì, Agosto 4

Wpp: chi è Martin Sorrell, a.d. più pagato al mondo Le accuse riguardano l'uso improprio di fondi della società, ma questa non ha fornito dettagli

0

E’ finito sotto inchiesta per ‘comportamenti non corretti’, Martin Sorrell, chief executive di Wpp, la maggiore compagnia pubblicitaria al mondo. Le accuse riguardano l’uso improprio di fondi della società, ma Wpp non ha fornito dettagli. L’indagine è stata affidata dal consiglio di amministrazione a uno studio legale indipendente.

Sorrell è uno dei capitani d’industria più noti in Gran Bretagna e uno degli amministratori delegati meglio pagati al mondo, con una retribuzione annua intorno ai 50 milioni di sterline. «Wpp sta indagando su un’accusa di irregolarità finanziaria contro di me, che riguarda l’utilizzo improprio di fondi della società. Uno studio legale sta indagando sulle accuse. Io respingo categoricamente le accuse ma concordo che il gruppo deve procedere con un’inchiesta. L’indagine verrà conclusa a breve e ovviamente io non avrò alcuna parte nella gestione dell’indagine in corso», ha dichiarato lo stesso Sorrell.

Secondo alcuni analisti, se l’indagine dovesse confermare comportamenti illeciti, per il 73 sarebbe finita la sua carriera. Il titolo Wpp alla Borsa di Londra è ai livelli minimi da quattro anni.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->