sabato, Luglio 31

Workingparents, dalla Danimarca il modello vincente field_506ffb1d3dbe2

0

 

bambini bambino genitori danimarca bicicletta trasporto bici biciclette cycle chic danesi mamme famiglie  (2)

Per molti italiani, soprattutto di sesso femminile, il concetto di genitore-lavoratore è facilmente riconducibile a quello di “genitore assente”. Avere un impegno professionale e portare avanti una famiglia con figli è un compito arduo e complesso, soprattutto perché nel nostro Paese mancano molte strutture che permetterebbero ai genitori di oggi di lavorare con profitto e al contempo mettere su famiglia in tranquillità. Per questo per tanti, troppi, italiani vi è ancora il complicato dilemma su come meglio ripartire il proprio tempo tra la propria carriera e l’educazione dei propri figli. Secondo un sondaggio condotto da Eurobarometer, i danesi hanno risolto questo indovinello e sono oggi i più soddisfatti in Europa rispetto alla propria vita famigliare e lavorativa. Orari di lavoro flessibili, asilo nido garantito e sostenibile economicamente per tutti i bambini, diritti di congedo parentale (maschile e femminile) estensivi e generosi sussidi governativi a chi ha figli sono tra gli elementi principali che fanno della Danimarca il luogo ideale per far coniugare carriera e famiglia. Queste condizioni favorevoli si traducono poi in un alto livello di equità di genere rispetto al mondo del lavoro e in una delle più alte percentuali di donne lavoratrici di tutta Europa.

Se ad esempio si pensa al congedo parentale è possibile capire come la Danimarca, e i Paesi del Nord Europa in generale, siano molto più avanti rispetto al resto del mondo. In Italia, ad esempio, esso è di 20 settimane per la donna, all’80% stipendio nella maggior parte dei casi, ed è obbligatorio di un solo giorno per il padre. Negli Stati Uniti le mamme hanno diritto a sole 12 settimane, spesso non retribuite affatto; in Giappone le settimane aumentano a 14, ma al 67% dello stipendio, mentre in Germania e in Nuova Zelanda, a fronte dello stesso numero di settimane, viene garantito il 100% della retribuzione. In Austria, Lussemburgo, Spagna e Paesi Bassi garantiscono 16 settimane al 100%, mentre in Polonia, come da noi, le donne hanno diritto a 20 settimane, ma pagate al 100% dello stipendio.

In Danimarca, invece, le settimane di congedo totale per entrambi i genitori sono 52 (esattamente un anno intero), un vero record in Europa in quanto pagate interamente e valide anche in caso di adozione. Le settimane di congedo sono suddivise tra quattro settimane prima della nascita del bambino e 14 a seguire, obbligatorie per la madre, e due obbligatorie per il padre successive al lieto evento. Le restanti possono essere utilizzate da uno o entrambi i genitori anche spezzandole per “mettere da parte” alcune settimane per momenti futuri della vita del proprio bambino fino ai 9 anni. A Copenaghen quasi tutti i padri utilizzano le settimane di congedo che gli spettano, ma spesso in combinazione con quelle che spettano alla madre. Solo l’8% dei casi è rappresentato da neo papà che per settimane restano a casa dal lavoro mentre la moglie ha già ripreso la propria attività. La facile fruizione del congedo parentale è dunque uno dei fattori principali che spiegano come mai in questo Paese molti individui abbiano vinto la battaglia tra lavoro e famiglia, con soddisfazione da ambo le parti.

Un altro fattore che influenza questi risultati è la flessibilità sul lavoro, che nel Nord Europa non si traduce in precariato, ma nella possibilità effettiva di collocarsi sul mercato del lavoro in modo più facile. I risultati parlano da se, nel 2011 infatti il tasso di impiego femminile era il secondo più alto d’Europa al 70,4%, il contrasto diventa doloroso se questi numeri vengono paragonati con quelli italiani, dove solo il 47,2% delle donne lavora. Percentuale che poi arriva appena sopra al 30% se si guardano i dati riferiti al sud Italia. Va notato anche che, secondo i dati dell’OECD, il tasso d’impiego delle madri con figli sotto i sei anni non cala, ma anzi aumenta al 79%, record assoluto di tutta Europa. 

Tutto questo è possibile grazie ad un mercato del lavoro differente da quello dei Paesi con risultati decisamente meno performanti. Innanzitutto le ore di lavoro settimanali sono meno: in Danimarca le donne lavorano circa tra le 32 e le 38 ore alla settimana, mentre gli uomini stanno tra le 37 e le 44 ore, una differenza nettamente inferiore a quella degli altri paesi europei, dove di norma le donne lavorano sempre 10-12 ore in meno degli uomini.

Inoltre qui la flessibilità del lavoro è utilizzata molto anche dagli uomini, se le donne a chiedere il part-time sono il 37,6%, gli uomini arrivano al traguardo ragguardevole del 15,3%, anche in questo caso superiore alla media europea del 9%. Secondo i risultati di Eurofond poi il 79% delle donne che usufruiscono del congedo parentale, anche per il massimo delle settimane a disposizione, riprendono il lavoro nella stessa misura, soprattutto grazie al sistema di asili aziendali ampiamente diffuso nel Nord Europa.

La Danimarca non intende però fermarsi a questi risultati, ma il governo si sta impegnando per rendere la vita dei genitori-lavoratori ancora più semplice. Dal 2005 è infatti in vigore la Family and Working Life Commission che si occupa di ottenere i risultati migliori nel bilanciamento dell’attività lavorativa e della vita famigliare. E’ proprio l’opera della commissione che ha contribuito ad ottenere un più lungo e flessibile congedo di maternità e un Balance Award da assegnare a tutte le imprese che danno priorità al bilanciamento tra questi due importantissimi aspetti della vita degli individui. Il lavoro della Commissione non è però ancora finito, attualmente si lavora per garantire l’assistenza diurna per tutti i bambini dai sei mesi all’età scolare; per la libera scelta nel sistema di baby-sitting preferito (presso le strutture statali o private); per un programma di alimentazione sano per tutti i bambini negli asilo-nido; per l’abolizione dei giorni di chiusura isolati nei centri diurni in cui si possono lasciare i bambini in età prescolare e per la proroga dell’iniziativa “Nonno sostituto”, che permette contemporaneamente a molti anziani di avere un ruolo definito nella società e parallelamente garantire ai genitori la possibilità di andare a lavorare senza preoccupazioni.

Tutto questo è possibile perché dal 2009 la spesa per i benefits per bambini e famiglie è ammonta al 4.2% del PIL danese, un dato ancora una volta superiore a quello della maggior parte degli altri membri dell’Unione Europea. Oltre a quanto fin qui menzionato, i benefits per le famiglie sono anche di tipo economico. Fino al compimento dei 18 anni le famiglie ricevono 189€ al mese per ogni bambino al di sotto dei due anni e 118€ per ogni bambino tra i sette e i diciassette anni. Nel caso di parti multipli poi, viene assegnato un benefits addizionale di 269€ per nascituro a quadrimestre, fino al compimento del settimo anno di età. Straordinario è poi che anche per alcuni tipi di adozioni viene assegnato un aiuto economico, questa volta erogato in un unica soluzione e pari a 6.203€. Sempre fermo restando che l’economia danese permette questo genere di spese e di supporti, molto c’è da imparare dal modello di Copenaghen.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->