sabato, Maggio 15

Work of Art Un nuovo format televisivo sull'arte

0

Il connubio televisione – arte contemporanea può sembrare piuttosto azzardato, soprattutto in un sistema mediatico in cui alla cultura è destinato uno spazio irrisorio.  Tuttavia il canale televisivo americano Bravo, creato inizialmente promuovere il cinema indipendente, trasmise nel 2010 un nuovo programma sul mondo dell’arte. Il progetto fu ideato dalla Magical Elves Productions, la stessa di ‘Project Runway’  e ‘Top Chef’, e prodotto dalla Pretty Matches Productions, compagnia di produzione dell’attrice americana Sarah Jessica Parker. Il format piacque alla televisione italiana. La prima stagione di ‘Work of Art, Pezzo d’artista’ fu trasmessa su SkyUno nel 2011 mentre la seconda, appena conclusasi, sul canale di approfondimento SkyArte.

‘Work of Art’  è un reality show in cui quattordici artisti si contendono una personale al prestigioso ‘Brooklyn Museum’ di New York ed un premio di centomila dollari.  I giovani artisti sono giudicati  dalla presentatrice ed esperta d’arte China Chow, dal critico del ‘New York Magazine’ Jerry Saltz, dal proprietario della ‘Half Gallery‘ in cui vengono esposte le opere d’arte dei giovani talenti Bill Powers, e dal fondatore della prestigiosa casa d’aste ‘Philips de Pury & CompanySimon de Pury.

Ogni puntata è caratterizzata da un tema, su cui i quattordici artisti si devono attenere per la creazione delle opere d’arte. I temi sono inevitabilmente collegati alle correnti artistiche più importanti, ed ancora in auge, dell’arte contemporanea. Dalla Performance alla Pop Art sino alla Street Art, i talenti devono mostrare la propria abilità artistica creando opere tutt’altro che banali pena l’esclusione.

In riferimento all’ultima stagione, che ha visto la vittoria della pittrice americana  Kymia, sono rimasta particolarmente colpita da due artisti. Kathryn Parker Almanas, laureata alla Yale University, è una fotografa che opera a New York. Potremmo definire la sua arte ‘endogena’, in quanto la giovane artista fotografa e ritrae spesso nelle sue opere, parti interne di organismi umani.  Kathryn si sofferma soprattutto sull’ apparato digerente e  la sua diventa quasi un’ossessione, spiegando che l’ ispirazione del suo lavoro nasce da un  reale problema di salute. Ai giudici non piace e l’artista viene eliminata.  Leon Lim, nato a Kedah in Malesia, è un fotografo e designer americano. Il suo handicap, il sordomutismo, lo porta a sperimentare nel campo artistico e ad avere un forte ‘senso della vista’.  La sua prima installazione ‘The Recycled Head Anatomy’  è una testa composta da materiali più diversi, vetri rotti, giocattoli. Leon è molto attento nelle sue opere a rappresentare i rapporti interpersonali cercando quella solidarietà umana che forse nella società contemporanea si è persa.

Anche se l’arte viene presentata in un contesto televisivo, con le relative dinamiche, è apprezzabile il tentativo di avvicinare lo spettatore ad un mondo che altrimenti sarebbe considerato di nicchia. Se non altro potremmo definire ‘Work of Art’ un programma educativo e costruttivo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->