mercoledì, Aprile 21

Waymo e Jaguar Land Rover insieme per l’auto a guida autonoma Le due aziende hanno descritto la vettura che svilupperanno insieme come la prima al mondo ad essere a guida autonoma, elettrica e premium

0

Un servizio taxi a guida autonoma. E’ questa la sfida di Waymo, la controllata di Alphabet, che ha siglato una partnership con Jaguar Land Rover, con cui testerà una versione self-driving di I-Pace, il Suv del gruppo britannico nonché il suo primo veicolo elettrico in vendita dal mese in corso.

Le due aziende hanno descritto la vettura che svilupperanno insieme come la prima al mondo ad essere a guida autonoma, elettrica e premium. Nei prossimi anni, ha spiegato Waymo in una nota, la flotta della controllata di Alphabet vedrà fino a 20mila I-Pace, «quanto basta per guidare circa un milione di corse in un giorno tipico».

Secondo il ‘Wall Street Journal‘, si tratta di un accordo quello siglato da Waymo che ha il potenziale di avere un valore superiore al miliardo di dollari e si aggiunge al primo siglato nel 2016 con Fiat Chrysler Automobiles e rafforzatosi alla fine dello scorso gennaio, quando il gruppo guidato da Sergio Marchionne ha detto che a partire dalla fine del 2018 fornirà alla controllata di Alphabet migliaia di minivan ibridi a marchio Chrysler Pacifica.

(video tratto dal canale Youtube di Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->