lunedì, Agosto 2

Washington, in preparazione il più grande museo della Bibbia

0

Il 2017 vedrà l’apertura, a Washginton, di un museo interamente dedicato a quello che – oltre essere un best-seller inarrivabile – è anche il libro più importante della cultura occidentale, e forse del mondo intero: la Bibbia.

Quella che iniziò semplicemente come una piccola collezione privata di artefatti e manoscritti antichi, avviata nel 2009 dall’imprenditore Steve Green, si trasformerà quindi in un vero e proprio progetto con lo scopo di divulgare, illustrare e descrivere in modo oggettivo il libro sacro del Cristianesimo.

«Se lo guardiamo come un semplice reperto storico, la Bibbia è essenziale per capire la cultura occidentale», afferma Amy Van Dyke nel video teaser che annuncia l’apertura, prevista per novembre, dell’imponente museo. La struttura scelta è un ex-deposito frigorifero di quarantamila metri quadri, otto piani e un teatro, completamente ristrutturato.

Tra gli oggetti esposti copie rare e antiche del libro, ovviamente, ma anche pillole di ‘cultura pop’, come la Bibbia di Elvis Presley e quella portata con sé nello spazio da Edgar Mitchell nell’Apollo-14.

«La Bibbia ha un’influenza innegabile sulla scienza, l’istruzione, la democrazia, l’arte e la società. Ha segnato profondamente molte vite, compresa la mia», afferma lo stesso Green. La collezione della sua famiglia vanta ormai circa 40.000 artefatti.

La devozione dei Green è visibile in tutti i loro progetti, specialmente in quella che può essere considerata come l’azienda di famiglia: la Hobby Lobby. Per la catena di negozi d’arte la fede cristiana evangelica non è semplicemente un affare privato, ma un codice morale che ne guida la politica commerciale.

I punti vendita Hobby Lobby, per esempio, restano chiusi la domenica, nonostante l’ovvia perdita di profitti che la decisione comporta: stando alle FAQ del sito dell’azienda, i Green hanno deciso di «chiudere nel giorno del riposo per offrire ai nostri dipendenti più tempo per la preghiera e le loro famiglie […] è una questione di principio». I Greens finanziano inoltre produzioni cinematografiche dal tema cristiano, possiedono una casa editrice evangelica e contribuiscono a finanziare diversi pellegrinaggi a Gerusalemme.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->