domenica, Settembre 19

War Games congiunti Obbiettivo: migliorare la ventennale cooperazione tra Singapore e USA in risposta alla presenza cinese

0

navi singapore

Bangkok – Circa 1.400 soldati e numerose navi da guerra e forze aeree delle Forze Armate di Singapore e della Marina degli Stati Uniti hanno avviato 11 giorni di esercitazioni congiunte a partire dalla giornata di giovedì 31 luglio. La ventesima edizione della Cooperazione di Attenzionamento ed Addestramento CARAT Singapore-Stati Uniti ha lo scopo di meglio modellare ed approfondire il coordinamento delle capacità aero-navali e dei mezzi connessi come i missili antiaerei, anti-superficie e anti-sottomarini attraverso operazioni congiunte che fino ad oggi sono state il test sullo stato delle cose in termini di cooperazione strategico-militare tra Singapore e Stati Uniti.

Il Comandante della Flotta Navale di Singapore, Timothy Lo ed il Comandante della Settima Flotta degli Stati Uniti, il Vice-Ammiraglio Robert L. Thomas erano entrambi alla cerimonia di apertura alla base navale di Changi nella mattinata di ieri.

Le esercitazioni di quest’anno coinvolgeranno – per la prima volta – l’aeromobile addetto al pattugliamento marittimo ed al riconoscimento Poseidone P-8A della Marina degli Stati Uniti. La flotta aerea degli aerei P-8A della Marina degli Stati Uniti mostra lo scopo chiaro degli Stati Uniti di voler ri-bilanciare le forze militari e di controllo nell’area del Pacifico. Il Contrammiraglio Lo, nel suo messaggio di apertura ha affermato: «La Cooperazione di Attenzionamento ed Addestramento CARAT Singapore-Stati Uniti ha fatto una lunga strada per giungere oggi fino a noi, a partire dai modesti inizi nel 1995».

Il progetto aereo P-8A è lo stesso aeromobile che l’aviazione ha utilizzato nelle operazioni condotte a livello internazionale per cercare di localizzare l’aereo della Malaysia Airlines MH370 che è andato disperso in un qualche punto dell’Oceano Indiano nel mese di Marzo scorso. «Al giorno d’oggi, il progetto P-8A mostra una serie di attività in vari campi come la sicurezza marittima, l’integrazione delle forze militari e la difesa basilare dei due Paesi», ha aggiunto il Contrammiraglio Lo. Il Vice-Ammiraglio Thomas ha aggiunto: «Il Progetto CARAT svolge un ruolo chiave nella nostra lunga e duratura collaborazione tra le due Marine Militari, basata su esercitazioni militari congiunte, anch’esse di lungo periodo». E poi ha aggiunto: «Rimane comunque una piattaforma credibile per condividere le nozioni sulla sicurezza marittima e meglio affrontare tutte le sfide che essa pone e serve anche a sostenere meglio la cooperazione pratica in tutto lo spettro delle operazioni navali».

Come è noto, gli Stati Uniti alla cui guida c’è il Presidente Barak Obama e la sua Amministrazione, nella sua odierna configurazione, ha voluto strenuamente riprendere con maggiore vigore il discorso con le singole Nazioni dell’area Sud Est asiatica, per meglio coordinare anche il proprio ruolo in termini di alleato fidato delle Nazioni dell’area e quindi confermano una specie di ruolo di “ombrello”protettivo in tutto il quadrante Sud Orientale, a causa della presenza sempre invadente della Cina –in varie forme- che gli USA di Obama vogliono in un qualche modo arginare.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->