sabato, Luglio 24

Walmart, sfida ad Amazon online. E arrivano i chioschi self-service

0

Walmart sta cercando di rendere più facile raccogliere ordini di prodotti alimentari online. Il rivenditore sta testando un chiosco gigante self-service nel parcheggio di un supercenter a Warr Acres, Oklahoma, dove i clienti possono raccogliere la propria spesa online senza interagire con i dipendenti.

In pratica i clienti acquistano e pagano per i generi alimentari online, quindi i dipendenti di Walmart selezionano e confezionano i loro ordini e li immagazzinano in bidoni nel chiosco, che ha frigoriferi e congelatori all’interno che mantengono freschi i prodotti. Quando i clienti arrivano,  si avvicinano al chiosco e digitano un codice e ritirano in meno di un minuto la propria spesa. Che sia il futuro degli acquisti? Vedremo.

Di certo c’è che Walmart, anche online, ha lanciato la sfida ad Amazon, ultimo in ordine di tempo l’acquisto da parte della catena di Bonobos, considerato il sito di moda maschile più trendy d’America. L’acquisto su cui il mercato rumoreggia (300 milioni di dollari), sarebbe solo l’ultima mossa per cercare di colpire al cuore il dominio di Amazon, che detiene una quota del 33% contro il 7,8% del gigante delle grandi superfici. Non è andata giù po ia Walmart l’apertura dei primi negozi fisici del gigante dell’e-commerce, che pare così aver rotto una sorta di patto di non belligeranza tacito tra le parti.

«Per lungo tempo quella del commercio elettronico è stata considerata una voce dalle marginalità troppo esigue, mentre gli investitori chiedevano risultati», spiega Michelle Grant, analista di Euromonitor. «Ora il gruppo sembra propenso ad acquisire talenti ed esperienza, anche per posizionarsi su categorie che rafforzino la propria offerta di prodotti esclusivi». Ma, come visto ,si guarda anche al futuro degli acquisti.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->