venerdì, Luglio 30

Voto per posta: il grande protagonista di USA2020 Attaccato da Trump, invocato e ora temuto dai democratici, il voto per corrispondenza è già il grande protagonista 2020 e potrebbe determinare il risultato finale

0

Totali voti anticipati: 93.297.208; Voti di persona: 34.045.137; Voto per Posta: schede restituite 59.252.071, schede in sospeso 31.958.869. Questi i numeri rilasciati da Elect Project e aggiornati al 1° novembre.

Il ‘Mail voting’ è stato il grande protagonista di USA 2020. Protagonista da tutti i punti di vista: sia perché mai si erano toccati picchi così alti di preferenza per il voto per corrispondenza -causa Covid-19, ma anche perché, sostengono gli osservatori, i democratici hanno raccolto l’invito del loro candidato, Joe Biden di votare per posta, e perché le abitudini di voto in USA stanno cambiando-, sia per il dibattito che attorno al tema è sorto causa la feroce campagna contro questa modalità di voto messa in campo dal Presidente uscente Donald Trump.
Una modalità di voto che resterà al centro delle attenzioni nei prossimi giorni, quando il risultato delle elezioni tarderà venire causa i tempi lunghi che il conteggio proprio del voto per posta richiederà, e causa le probabili molte contestazioni che scatenerà.

Donald Trump per mesi ha sostenuto che il voto postale comporta un alto rischio di brogli a vantaggio dei Democratici e per questo ha avvertito che non riconoscerebbe una eventuale sconfitta nelle elezioni del 3 novembre, paventando che le contestazioni che i suoi legali solleveranno potrebbero finire davanti alla Corte Supremafederale (che da dopo la nomina di Amy Coney Barrett è saldamente in mano repubblicana).
L’attacco di Trump è stato ripetutamente respinto dagli esperti americani di sistemi elettorali. Secondo la gran parte degli studiosi il voto per posta-possibile in 43 Stati e nel Distretto di Columbia- è sicuro. Il perché è insito nelle modalità di espressione e nei controlli al momento dello spoglio.

Tanto sicuro che il rischio è esattamente l’opposto, ovvero che vengano invalidati ingiustamente molti voti. Le molte cauteleutili per prevenire le frodi, rendono molto più probabile che un elettore commetta un errore che comporti l’annullamento del voto. E dato che un numero crescente di persone che votano per posta hannomaggiori probabilità di sostenere il candidato alla presidenza democratica Joe Biden, questi voti persi potrebbero restringere il vantaggio che Biden sembra avere nei sondaggi . E questo potrebbe avere una influenza enorme in Stati come la Pennsylvania e la Carolina del Nord, dove il margine tra i due candidati è particolarmente stretto.

Insomma: non le frodi paventate da Trump a suo danno, bensì gli errori e l’eccessivo annullamento di schede dovrebbero preoccupare. Così, indirettamente, il voto per posta potrebbe anche aiutare i repubblicani e danneggiare i democratici.

Il ‘Mail voting è stato al centro delle preoccupazioni dei Democratici, però, non per gli errori, bensì per i timori di sabotaggio da parte dei vertici del servizio postale nazionale, lo US Postal Service (Usps), Louis DeJoy (repubblicano di ferro e donatore di Trump), accusato di agire per sabotare le elezioni con ritardi nelle consegne dei voti postali. Ritardi che negli ultimi giorni sono stati effettivamente denunciati da più parti, tanto che per gli ultimi voti potrebbero volerci fino a 5 o 6 giorni per giungere a destinazione e per molti il rischio è che non arrivino in tempo. La questione tempo, con ritardo nelle consegne dei plichi prima, della restituzione poi e in ultimo nei conteggi, ha fatto del voto per posta -per quanto sollecitato- una grana per i democratici.

In passato l’uso del voto postale era limitato ad alcune categorie (per esempio gli over 65, persone malate o cittadini che erano fuori dal loro Stato di residenza). Ma recentemente è stato esteso, tanto che nelle presidenziali Usa del 2016 se ne è avvalso circa un quarto degli elettori. Adesso, circa la metà dei 50 Stati Usa consente il ‘mail voting’ per tutti gli elettori che ne facciano richiesta, indipendentemente dal sussistere di condizioni specifiche come appunto l’età. In particolare, in questa tornata del 2020 si stima che alla fine avranno usato il voto per posta più del doppio rispetto al 2016, visto che molti Stati l’hanno incoraggiato per evitare assembramenti nei seggi in piena pandemia di Covid-19. Addirittura nove Stati, più Washington D.C., terranno delle cosiddette ‘all mail elections’, cioè faranno votare soltanto via posta: Utah, Hawaii, Colorado, Oregon, Washington, California, Nevada, New Jersey e Vermont.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->