venerdì, Maggio 7

Volkswagen sotto inchiesta. E le altre?

0

Lo scandalo inghiotte Volkswagen (VOWG_p.DE), come ha ammesso nelle prove relative alle erronee emissioni dei veicoli diesel negli Stati Uniti, sviluppatosi martedì, perché la Corea del Sud ha detto che avrebbe condotto una propria indagine e un ministro francese ha chiesto un’indagine a livello UE.

Le azioni della casa automobilistica tedesca sono scese a un nuovo minimo di tre anni nel commercio iniziale, il 19 % lunedì dopo che la BMW ha ammesso di utilizzare un software che ha ingannato le autorità di regolamentazione di misurazione delle emissioni tossiche.

Più di un grande fabbricante automobilistico in Europa potrebbe affrontare sanzioni fino a $ 18 miliardi negli Stati Uniti, così come azioni legali collettive da parte degli acquirenti e danni alla sua reputazione, con le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti relativo per aver ingannato per più di un anno le autorità.

Un comitato di consiglio di sorveglianza della Volkswagen si riunirà il mercoledì per discutere della crisi e al completa venerdì per prolungare il contratto dello Chief Executive Martin Winterkorn fino alla fine del 2018.

Sono sicuro che ci saranno conseguenze per il personale, alla fine, non c’è dubbio al riguardo“, membro del consiglio di vigilanza Olaf per le bugie raccontate alla radio tedesca Deutschlandfunk martedì.

Alcuni analisti suggeriscono che Winterkorn di recente ha fatto una sfida alla sua leadership con l’estromissione di Ferdinand Piech presidente con lunga nomina. Winterkorn sovrintende le operazioni di gruppo di R & S e corse il core brand Volkswagen tra il 2007 e il 2015, compreso il periodo in cui alcune delle sue vetture sono state trovate a  violare le regole US per l’aria pulita.

Winterkorn o sapeva del procedimento negli Stati Uniti o che non gli è stato segnalato. In primo luogo, deve dimettersi immediatamente. Nel secondo, uno ha bisogno di chiedere perché una tale violazione di vasta portata, non è stato segnalato per la parte superiore e poi le cose andranno dura troppo“, ha detto l’analista Evercore ISI Arndt Ellinghorst.

La  Germania rende componenti diesel -spokesman VWUS. Gli analisti avevano sperato nella vittoria di Winterkorn nella sua lotta di potere con Piech che avrebbe permesso di concentrarsi sulla lotta di lunga durata sottoperformance del carmaker in Nord America così come acutamente il rallentamento della domanda nel suo principale centro di profitto, in Cina.

La US Environmental Protection Agency (EPA) ha detto lunedi che avrebbe ampliato e la sua indagine ad altre case automobilistiche. I rapporti dei media dicono che il Dipartimento di Giustizia ha inoltre avviato un’indagine pilota penale sulle accuse contro Volkswagen, che coprono VW e Audi modelli diesel di marca, tra cui la Audi A3, VW Jetta, Beetle, Golf e Passat.

Il ministro delle finanze francese Michel Sapin ha detto martedì che era necessaria anche una vasta indagine a livello dell’Unione europea.

Deve essere fatto a livello europeo. Siamo un mercato europeo con le norme europee. Sono questi che devono essere rispettati. Sono questi che sono stati violati negli Stati Uniti.“, ha detto a radio Europe1.

Non ci sono stati suggerimenti finora che altre case automobilistiche che si sono impegnati nelle stesse pratiche come Volkswagen. I rivali tedeschi BMW (BMWG.DE) e Daimler (DAIGn.DE) hanno detto le accuse contro Volkswagen non si applicano ad essi.

Il modo in cui le case automobilistiche testano i veicoli è stato messo sotto crescente esame dai regolatori di tutto il mondo in mezzo a denunce da gruppi ambientalisti che usano scappatoie nelle regole di esagerare con consumi ridotti e emissioni risultati.

A 0345 EDT, azioni Volkswagen sono diminuite del 6,3% a 123,85 dopo aver toccato un minimo di 123,4 euro. L’indice europeo del settore auto. SXAP è sceso del 4%, come gli analisti avevano ipotizzato tutte le case automobilistiche potrebbero affrontare test più severi da regolatori.

L’indagine della Corea del Sud in Volkswagen coinvolgerà 4.000 a 5.000 Jetta, Golf e Audi A3, tutti veicoli prodotti nel 2014 e nel 2015, il Parco Pan-kyu, come ha detto a Reuters un vice direttore presso il ministero dell’ambiente della Corea del Sud.

Il ministero prenderà in considerazione la cosa, ricordando quei veicoli che hanno condotto le indagini sulle emissioni nella norma. “Se le autorità della Corea del Sud a trovare problemi nelle vetture diesel VW, l’indagine pilota potrebbe essere estesa a tutti i veicoli diesel tedeschi“, ha detto. Volkswagen Corea ha rifiutato di commentare.

L’Ufficio federale delle strade svizzero ha detto che stava anche per indagare se lo stesso tipo di vetture diesel Volkswagen, vendute negli Stati Uniti lo sono anche in Svizzera, con l’aggiunta dei risultati avuti in questi giorni.

Per farsi un’idea di come le vetture Volkswagen siano importanti prima dello scandalo:  Tiguan appariva in un notiziario su un televisore di fronte dell’indice azionario tedesco DAX bordo, presso la borsa valori di Francoforte, in Germania il 21 settembre 2015.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘WTVC NewsChannel 9‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->