Volete aiutare i riformisti in Iran? Rilanciate l’accordo sul nucleare Mentre i colloqui per il rientro degli USA nel JCPOA sono nuovamente in stallo, il popolo iraniano sta protestando contro le dure condizioni e il regime sta reprimendo. Da parte americana, da quando è entrato in carica, ciò che ha fatto il Presidente Joe Biden ha solo aiutato gli estremisti iraniani

L’ultimo round di negoziati indiretti tra Iran e Stati Uniti per il rilancio dell’accordo nucleare del 2015,formalmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), avvenuto in Qatar, si è concluso senza alcun progresso. Il motivo del rapido fallimento non è chiaro, gli Stati Uniti e l’Iran hanno avanzato due ragioni diverse.

Alla domanda di Steve Inskeep della ‘National Public Radio‘ perché i negoziati fossero falliti, Robert Malley, il principale negoziatore degli Stati Uniti con l’Iran, ha risposto senza risposta, dicendo: «L’Unione Europea, in qualità di coordinatrice [dei negoziati indiretti], delinea molto dettagliatamente quello che secondo loro sarebbe un risultato equo, e abbiamo detto che siamo pronti ad accettare quell’accordo. La parte che non ha detto sì è l’Iran». Dire solo che i negoziati sono falliti perché l’Iran non ha detto ‘sì’ alla proposta dell’UE, senza dire perché l’Iran lo ha fatto, non è sufficiente. Sicuramente Malley sa perché, ma per qualsiasi motivo si è rifiutato di specificarlo.

Axios‘ ha citato un alto funzionario americano senza nome che ha affermato: «Gli iraniani non hanno dimostrato alcun senso di urgenza, hanno sollevato vecchie questioni che sono state risolte da mesi e hanno persino sollevato nuove questioni che non sono correlate all’accordo nucleare del 2015». Ancora una volta, questo funzionario ha rifiutato di dire quali sono i “vecchi problemi”.

Prima di lasciare l’incarico, nell’agosto 2021, l’ex Presidente iraniano Hassan Rouhani ha sottolineato più volte che la sua Amministrazione aveva raggiunto, in linea di principio, un accordo con l’Amministrazione Biden sui principi di base per il ritorno di entrambe le parti al PACG, che presumibilmente includeva la rimozione dell’IRGC dal Elenco delle organizzazioni terroristiche straniere statunitensi. Questa settimana, Rouhani ha ribadito ancora una volta la sua affermazione che gli elementi di base dell’accordo erano stati concordati nel marzo 2021.

È stato riferito per mesi che un ostacolo alla conclusione di un accordo è presumibilmente l’insistenza dell’Iran sugli Stati Uniti per rimuovere l’IRGC dall’elenco delle organizzazioni terroristiche straniere, cosa che gli Stati Uniti hanno rifiutato. Ma, come ho riportato in precedenza, alcuni mesi fa il pragmatico Ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian aveva segnalato che la questione dell’IRGC non era la priorità assoluta dell’Iran. Infatti, subito prima dei negoziati in Qatar, ‘Reutersha citato diplomatici iraniani ed europei che affermavano che l’Iran aveva ritirato la sua richiesta di rimozione delle sanzioni FTO dell’IRGC.

È stato anche riferito che l’Iran aveva chiesto all’Amministrazione Biden di garantire che la prossima Amministrazione non si ritiri dai suoi obblighi JCPOA e reintroduca le sanzioni. Ma Amir-Abdollahian ha negato che l’Iran abbia avanzato nuove richieste. Ha detto che ciò che vuole l’Iran è una garanzia che finché l’Amministrazione Biden sarà in carica, tragga vantaggio economico dal ritorno al JCPOA. La preoccupazione a Teheran è che se l’Iran tornerà al JCPOA, l’Amministrazione Biden potrebbe prima rimuovere le sanzioni, ma in seguito trovare una scusa non nucleare, come la violazione dei diritti umani, per re-imporle. In tal caso, l’Iran sarà costretto a rispettare i suoi obblighi JCPOA senza ricevere alcun vantaggio economico, ma Washington ha rifiutato di garantirlo.

Intanto in Iran crescono le proteste contro il terribile stato dell’economia. Riconoscendo che la ragione più importante del cattivo stato dell’economia sono le sanzioni statunitensi, l’opinione pubblica, così come l’opposizione agli intransigenti, hanno chiesto un ritorno al JCPOA anche se ciò significa fare concessioni significative. Un nuovo sondaggio ha indicato che quasi il 60% delle persone sostiene fortemente il ritorno al JCPOA, mentre solo il 17% si oppone.

La reazione dei sostenitori della linea dura iraniana alle crescenti pressioni, alle richieste di un’economia migliore e al ritorno al JCPOA, è stata l’arrestato di alcuni importanti dissidenti e attivisti politici.
I noti registi Mohammad Rasoulof, Jafar Panahi e Mostafa Al-Ahmad sono stati arrestati una settimana fa, così come il principale riformista ed ex viceministro dell’Interno Mostafa Tajzadeh, per aver protestato contro gli intransigenti e le loro politiche.
Tajzadeh è stato un forte critico del leader supremo Ayatollah Ali Khamenei e delle sue politiche, incolpandolo costantemente per l’attuale stato delle cose, la sua politica in tutto il Medio Oriente e la sua linea dura verso il JCPOA, per il quale è stato incarcerato per sette anni, la maggior parte dei quali in isolamento.
Nel maggio 2021 Tajzadeh ha annunciato la sua candidatura alla presidenza dell’Iran con una piattaforma che chiedeva cambiamenti profondi e irreversibili nella struttura del potere iraniano, nonché nelle politiche interne ed estere, in particolare per quanto riguarda il Medio Oriente. Sebbene il Consiglio dei Guardiani che controlla i candidati lo abbia respinto, Tajzadeh è stato molto popolare tra gli iraniani per la sua coraggiosa posizione contro gli intransigenti e, in particolare, Khamenei. Prima del suo recente arresto, ogni volta che parlava al popolare social forum Clubhouse, decine di migliaia di persone, sia all’interno che all’esterno dell’Iran, ascoltavano ciò che aveva da dire e facevano domande sulle sue posizioni politiche ed economiche, alle quali ha sempre risposto senza mezzi termini e onestamente.

Da quando è entrato in carica, ciò che ha fatto il Presidente Joe Biden ha solo aiutato gli estremisti iraniani. Durante la sua campagna per la presidenza, nel 2020, ha promesso che sarebbe tornato rapidamente al JCPOA, ma mentre ha reso omaggio a parole alla causa, la sua Amministrazione ha continuato la politica di Trump, imponendo nuove sanzioni all’Iran.

Il forte sostegno di Biden a Israele mentre continua a compiere attacchi terroristici in Iran, la sua minaccia, durante il suo recente viaggio in Israele, di essere disposto a usare la forza contro l’Iran, la sua firma, con il Primo Ministro israeliano Yair Lapid, di una dichiarazione di partenariato strategico che è fortemente contrario all’Iran, e il suo viaggio in Arabia Saudita in cui ha incontrato l’arcinemico iraniano Mohammed bin Salman e ha criticato l’Iran più volte, indicano che ha rinunciato alla promessa elettorale di una politica iraniana più realistica, e che di fatto soccombe alla pressione interna ed estera. Tutto ciò ha rafforzato ciò che gli intransigenti iraniani affermano da anni, vale a dire che non ci si può fidare degli Stati Uniti.

Cambiare la politica iraniana -moderare la sua politica mediorientale e fare passi concreti verso un governo rappresentativo- è compito del popolo iraniano che vive in Iran, senza interferenze esterne. Il mondo esterno non dovrebbe fare nulla che possa danneggiare l’opposizione democratica iraniana.Continuando la politica di Trump di imporre sanzioni, schierarsi con i nemici regionali dell’Iran e rifiutarsi di tornare al JCPOA, l’Amministrazione Biden sta danneggiando gravemente non solo i comuni cittadini iraniani, che non hanno voce in capitolo su ciò che fanno gli intransigenti, ma anche gli iraniani moderati e progressisti che si oppongono coraggiosamente agli intransigenticonducendo la lotta per un Iran migliore che sia positivo per la causa della pace in Medio Oriente e nel mondo intero.