giovedì, Luglio 29

Vodafone, ecco le eSIM pronte a sostituire le SIM fisiche Ecco cosa c'è da sapere su un passaggio che sembra segnare un solco profondo in un settore in continua evoluzione

0

Vodafone ha scelto di imprimere un notevole passo avanti nella telefonia mobile con una soluzione in grado di renderla sempre più tecnologica. Infatti, a partire dallo scorso 12 aprile, i clienti dell’operatore telefonico hanno la possibilità di cambiare la loro SIM fisica con una eSIM. La scheda telefonica pregressa può essere così dematerializzata e i profili tariffari gestiti senza alcuna difficoltà, direttamente dal proprio smartphone. Ecco cosa c’è da sapere su un passaggio che sembra segnare un solco profondo in un settore in continua evoluzione.

Tutto ciò che bisogna sapere sulle nuove eSIM del marchio Vodafone

Come accennato in precedenza, le eSIM Vodafone sono in circolazione a partire dal 12 aprile presso i negozi fisici, mentre su Internet bisogna attendere fino al 19. La sostituzione della vecchia SIM e l’acquisto della eSIM richiedono una spesa di 1 euro. Numerosi sono i vantaggi che si nascondono dietro a una scelta così importante.

Infatti, una scheda virtuale viene utilizzata per salvare numero telefonico e profilo tariffario. I dati sono contenuti in un chip situato nel dispositivo mobile, senza la necessità di inserire alcuna scheda fisica. Di conseguenza, non si rischia neanche di smarrirla o danneggiarla in alcun modo. I clienti in possesso di una SIM Vodafone arriva da più di due anni o che si servono dell’assistenza tecnica per il loro device mobile possono arrivare l’eSIM Vodafone a titolo gratuito.

Per l’installazione della SIM virtuale, bisogna ricevere un codice QR al momento del suo ritiro. Quindi, lo stesso va proiettato sul relativo dispositivo, per poi seguire le varie indicazioni per completare registrazione e salvataggio del nuovo account. Un sistema del genere consente il salvataggio di più profili tariffari su un solo smartphone, con la prospettiva di trovare il piano tariffario perfetto per le proprie esigenze specifiche.

Le eSIM di Vodafone hanno una validità complessiva pari a 11 mesi dopo l’ultima ricarica o spesa effettuata. In caso di scadenza, è possibile riattivare l’eSIM entro 12 mesi dalla disattivazione, ma il credito residuo precedente viene perso. Prima di installare una SIM proveniente da un’altra sorgente, è necessario cancellare il profilo precedente e installare quello nuovo sul modello di destinazione.

Si tratta di una mossa molto importante per il brand Vodafone, operatore telefonico spesso in grado di anticipare la concorrenza grazie a soluzioni all’avanguardia. Lo ha confermato anche con la diffusione delle eSIM, sinonimo di sostenibilità e impatto ambientale ridotto al minimo. Ciò viene confermato anche dall’uso di una confezione plastica e biodegradabile, che comprende anche i vari codici PIN e PUK, il libretto delle istruzioni della scheda e il codice QR Code.

Numerosi marchi hanno già scelto di aderire all’utilizzo delle eSIM di Vodafone, tra i quali spiccano Apple, Samsung, Huawei, Motorola e Google. Altre aziende produttrici di smartphone sembrano destinati a seguirne le orme.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->