domenica, Giugno 13

Vladimir Putin l’uomo più ricco del mondo? A ripetere questa teoria, già uscita ad inizio anno, il giornalista Luke Harding, intervistato da 'Business Insider'

0

Forbes a inizio anno ha stilato la classifica degli uomini più ricchi al mondo. Ancora una volta il ‘paperon de’ paperoni’ è risultato essere Bill Gates, con un patrimonio personale di 79 miliardi di dollari. Ma questo sembra essere un primo posto che non corrisponde alla verità: il più ricco, infatti, sarebbe Vladimir Putin.

In realtà a dirlo in maniera netta da tempo è l’analista politico Stanslav Belkovsky, secondo cui il presidente russo già nel 2007 possedeva un patrimonio netto di oltre 40 miliardi di dollari, ottenuto grazie al business del petrolio. Putin infatti controlla il 37% della compagnia petrolifera Surgutneftegaz e il 4,5% della società del gas naturale, Gazprom.

Secondo Bill Browder, fondatore ed ex gestore di uno dei fondi stranieri più importanti in Russia, il presidente russo ha accumulato un patrimonio personale di 200 miliardi di dollari: «I 14 anni in cui Putin è stato al potere, la quantità di denaro che il paese ha prodotto e che non è mai stato speso per le scuole, per gli ospedali e le strade hanno permesso a Putin di arricchirsi, permettendogli di gestire conti in banca e fondi hedge», ha spiegato a ‘IB Times‘.

In realtà sul reale patrimonio di Putin è stato costretto ad intervenire anche il portavoce del presidente Peskov, che ha smentito le notizie secondo cui il palazzo sul Mar Nero, dal valore di un miliardo di dollari, sia dello ‘zar’. Ma gli avversari politici insistono, portando come prova che Putin possiede 58 tra aerei ed elicotteri, oltre a una collezione di orologi di lusso e a palazzi di rappresentanza in montagna e al mare.

In questo video di ‘Business Insider‘, il giornalista Luke Harding spiega la sua teoria su Putin.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->