sabato, Settembre 25

Viva la famiglia! field_506ffbaa4a8d4

0

Che nello strapaese delle meraviglie tutti parlino male di tutti, Ministri contro Ministri, Sottosegretari contro Sottosegretari, cialtroni contro cialtroni, è tutto tranne che una notizia. E le intercettazioni che rivelano cattiverie ed insulti reciproci possono stupire solo chi non abbia memoria neppure a breve termine. La famiglia, acquisita, ha messo nei guai la ‘povera’ Federica Guidi, fresca ex Ministro dello Sviluppo economico: il che da un lato rattrista, dall’altro la incorona nuova eroina femminile a nome di tutte le bruttine sfruttate da mascalzoni arrembanti. Ché anche chi ha cuore di pietra non può non commuoversi a fronte della continua umiliazione che emerge dalle telefonate intercettate e rese pubbliche con il quasimaritononmarito Gianluca Gemelli che gliene ha combinate di cotte e di crude, come abbiamo appreso. Facendocene immaginare chissà quante altre. In ogni caso la ‘disgrazia’ ha trasformando un incauto Ministro in un mito femminile, preda del bellimbusto-Bel Ami che la sfruttava, ’ricattata’ ed al tempo stesso riscattata proprio dall’umiliazione privata divenuta pubblica. «Non fai altro che chiedermi favori, con me ti comporti come un sultano… mi sono rotta… a 46 anni… tu siccome stai con me e hai un figlio con me, mi tratti come una sguattera del Guatemala». A proposito di famiglia…

La famiglia è al centro anche delle vicende di Giuseppe Salvatore Salvo Riina che ha proficuamente difeso la ‘famiglia’ (in tutti i sensi) ospite di Bruno Vespa a ‘Porta a Porta’. Il terzo figlio e degno continuatore di Salvatore Totò Riina già ‘capo dei capi’ della mafia ha dimostrato come da un buon ceppo provengano buoni frutti e l’attaccamento ai princìpi tradizionali possa rappresentare ancora un valore. Meno male che c’è ancora almeno qualcuno che si erge a loro a difesa. L’erede Riina ha fatto un figurone, svettando come saggio ed avveduto testimone di amore filiale e familiare: «Non sono il figlio del ‘Capo dei capi’. Sono il figlio di Salvatore Riina». Anche in questo caso di famiglia (e sua strenua tutela) si tratta…

A degna conclusione e riepilogo arriva la presentazione della ‘Amoris Laetitia’ di Francesco, esortazione apostolica postsinodale sul tema della famiglia e dintorni. Che giunge a culmine e riepilogo del lunghissimo Sinodo dei vescovi in due sessioni, e complessivamente oltre due anni, che ha affrontato e giudicato la complessa materia. Poi libero ciascuno, ed a ciascuno la possibilità di scelta della ‘famiglia’ che preferisce…

 

E, dunque, in questo Aprile 2016

da Lunedì 4 a Venerdì 8

Lunedì 4

Martedì 5

Mercoledì 6

Famiglia Parte Prima. Giuseppe Salvatore Salvo Riina difende la ‘famiglia’ (carnale e mafiosa) ospite di Bruno Vespa a ‘Porta a Porta’. Bella famiglia…

Giovedì 7

Famiglia Parte Seconda. Resa pubblica un’altra parte di intercettazioni riguardanti le vicende petrolifere e conversazioni del Ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, con il suo compagno ‘mascalzone’: «Mi tratti come una sguattera del Guatemala». Bella famiglia…

Venerdì 8

Famiglia Parte Terza. Resa pubblica la ‘Amoris Laetitia’ di Papa Francesco, esortazione apostolica postsinodale sul tema della famiglia. Che bella la famiglia…

 

E poi

Sabato 9 e Domenica 10

Sabato e Domenica. Chi in famiglia, chi per i fatti suoi.

 

E la prossima settimana

da Lunedì 11 a Domenica 17 

Fiduciosamente andiamo verso il futuro ed il Referendum sulle Piattaforme petrolifere di Domenica. Che del nostro futuro tratta.

 

Appena arrivato e già inoltrato questo Aprile 2016, che purtroppo o per fortuna non tornerà mai più. Meglio, intanto, farne tesoro…

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->