mercoledì, dicembre 19

Vittorio Emanuele III: ‘La mia verità’ Una intervista 'immaginaria' a Sua Maestà Reale Re Vittorio Emanuele III: 'Perché non è mai facile essere re, specie in quegli anni convulsi'

0

Il Santuario della Natività di Maria Santissima, a Vicoforte, è un luogo che lascia davvero senza fiato. Immerso nel silenzio della natura circostante il piccolo paesino che lo ospita nella provincia di Cuneo, il Santuario di Vicoforte è, nella sua elegante maestosità, un posto che incute rispetto, raccoglimento e anche il più convinto degli atei non può non percepire dentro di sé il respiro di Dio. In questi giorni, è stato al centro dell’attenzione per un evento storico: il ritorno delle salme di Re Vittorio Emanuele III di Savoia e di sua moglie, la Regina Elena, che fanno così ritorno in Italia dall’esilio successivo al referendum del 2 giugno 1946, in cui gli italiani scelsero la forma di governo repubblicana.

All’interno del Santuario siamo solo poche persone. Il clima è solenne, l’atmosfera è carica di attesa. Quello che mi si para davanti agli occhi ha dell’incredibile: Sua Maestà Reale Vittorio Emanuele III in persona, aiutato da due persone che lo sostengono al suo fianco, compie il suo percorso all’interno della Basilica. Il peso dei suoi 148 anni d’età si fa sentire, ma sul suo volto si possono scorgere delle linee di malcelata delusione: non si aspettava, molto probabilmente, che il suo ritorno in Patria avrebbe causato così tante polemiche. L’occasione, però, era unica e quindi, con la massima deferenza possibile, chiedo ai suoi aiutanti il permesso di porgergli qualche domanda, di modo che possa dare agli italiani la sua versione. Questi, consultatisi con l’anziano sovrano, mi danno il regio consenso: recuperano per il Re una sedia semplice, frugale, lontana dalla regalità di un trono, ma il portamento del penultimo Re d’Italia le conferisce una dignità che sembrava sconosciuta a quella piccola sedia di legno.

Il Re è pronto, io (per quanto si possa essere pronti a intervistare un personaggio storico) anche. L’intervista ha inizio.

 

Bentornata, Vostra Maestà. È stato un lungo viaggio?

Lunghissimo, quasi 71 anni di viaggio per tornare a quella che abbiamo sempre considerato casa. Da quando abbiamo abbandonato il suolo patrio per l’esilio ad Alessandria d’Egitto, il nostro unico pensiero era quello di farvi ritorno, un giorno o l’altro. Finalmente questo sogno è diventato realtà e possiamo così dare ristoro alle nostre stanche membra. Anche se non le nascondiamo come le polemiche di questi giorni ci abbiano recato grosso dolore e dispiacere.

Il popolo italiano non Vi ha mai perdonato alcune delle scelte che avete compiuto nel Vostro lungo regno, durato quasi 46 anni. Con i nostri occhi, in effetti, queste scelte appaiono difficili da comprendere e, mi scusiate se mi permetto, ancor più difficilmente giustificabili. Vi spiace se proviamo a rivederle insieme?

Un Re agisce sempre per il bene del proprio popolo. Un tempo avremmo declinato ogni richiesta di spiegazioni, considerandola una mancanza di rispetto, quando non una lesa Maestà. Tuttavia, considerando l’eccezionalità dell’occasione di oggi, ci accingiamo volentieri a dare qualche chiarimento, così che possiamo finalmente riposare in pace. E possiamo far capire che non è stato facile essere Re d’Italia in anni così inquieti.

Vi ringraziamo per l’opportunità, Vostra Maestà. Partirei dunque, in ordine cronologico, con la scelta di affidare il Governo a Benito Mussolini a seguito della Marcia su Roma del 28 ottobre 1922. Il Presidente del Consiglio Luigi Facta aveva preparato lo stato d’assedio per fermare la marcia dei fascisti, ma Voi l’avete respinta e avete consegnato il futuro dell’Italia al fascismo. Per quali ragioni avete compiuto questa scelta?

Per ragioni di natura politica. Come abbiamo già detto, quelli erano anni inquieti. L’Italia era uscita vittoriosa ma molto provata dalla Grande Guerra e, nonostante che mai prima di allora l’Italia fosse stata così unita nel caldo abbraccio del Tricolore, sotto la bandiera che ammantava la nostra penisola fermentavano forze in contrasto fra loro, che avrebbero potuto distruggere quell’Unità che i miei illustri avi avevano faticosamente raggiunto. Il pericolo comunista era molto forte, come testimoniano le grandi proteste di fabbrica del cosiddetto biennio rosso (1919-1920) che facevano spirare anche in Italia quei gelidi venti spiranti dalla Russia, quelli della Rivoluzione. Il timore che l’ordine costituito in Italia fosse sovvertito era molto forte e non potevamo permetterlo: era presente ai nostri occhi che cosa ci sarebbe aspettato. Inoltre, non volevamo che a noi e alla nostra famiglia capitasse ciò che il destino ha riservato alla famiglia imperiale dei Romanov, con Sua Maestà Imperiale lo Zar Nicola II brutalmente assassinato dai bolscevichi, e con lui i suoi cari. Dall’altro lato, i fascisti. A quei tempi erano una forza molto rumorosa, ma numericamente non così consistente. La classe dirigente produttiva non li vedeva di cattivo occhio, vista la loro attività anticomunista (fra le altre cose, andavano nelle fabbriche a rimpiazzare gli operai in sciopero), e si facevano promotori e difensori dell’ordine, di cui la borghesia reclama il bisogno. I loro metodi forti, quando non violenti, non erano malvisti, anzi: per molti era proprio ciò di cui l’Italia aveva bisogno, confrontati alla debolezza dei Governi liberali che si erano succeduti dalla fine della Guerra in avanti. Lo straordinario dispiegamento di forze del 28 ottobre era facilmente affrontabile dal nostro Esercito, che poteva contare su una superiorità numerica e di mezzi notevole, ma mi aveva profondamente turbato: e se la firma dello stato d’assedio fosse stata l’anticamera della guerra civile? L’Italia non poteva permettersi una guerra interna, dopo aver pagato un altissimo tributo in vite umane dopo il 15-18. Affidare il Governo all’onorevole Benito Mussolini, capo di un partito allora poco rappresentato in Parlamento e per questo facilmente manovrabile dai più esperti esponenti del partito liberale (come l’onorevole Giovanni Giolitti), non solo era mia facoltà, dati i poteri conferitimi dallo Statuto Albertino, ma mi era sembrata la cosa più saggia da fare per evitare ulteriori violenze. Inoltre, l’onorevole Mussolini sembrava la persona adatta a garantire un po’ di ordine per l’Italia, convinti che sarebbe durato poco tempo.

Un gravissimo errore di valutazione, se posso permettermi.

Un gravissimo errore, certo, ma non bisogna fare l’errore di valutare quegli anni senza averli vissuti e con il senno di quel che poi sarebbe accaduto gli anni successivi.

Visualizzando 1 di 2
Visualizzando 1 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore