sabato, Aprile 10

Vittorio De Sica, divo del cinema e della canzone

0

Il 7 luglio 1901 nasce Vittorio De Sica. Il suo paese natale è Sora, una cittadina che all’epoca è in provincia di Caserta e oggi in quella di Frosinone. Per ragioni di studio si trasferisce a Napoli, città cui resterà per sempre legato da grande affetto.
Il suo esordio nel cinema avviene nel 1918, quando interpreta una parte di secondo piano nel film ‘Il processo Clémenceau‘. Nel 1924, conclusi gli studi, decide di dedicarsi a tempo pieno al teatro specializzandosi nel personaggio del giovanotto brillante e scanzonato. Parallelamente all’attività teatrale, continua a frequentare i set cinematografici, e dopo una serie di film minori arriva al successo nel 1932 con ‘Gli uomini, che mascalzoni…‘, un film di Mario Camerini nel quale canta ‘Parlami d’amore Mariù‘.

È considerato il primo vero divo italiano del cinema sonoro grazie alla popolarità conquistata interpretando una fortunata serie di commedie sentimentali. Anche sul piano musicale centra una lunga serie di successi con brani come ‘Ludovico‘, ‘Tu solamente tu‘, ‘Dicevo al cuore‘, ‘Dammi un bacio e ti dico di sì‘ e ‘Allegro yankee‘.
Nel 1943 dirige I bambini ci guardano‘, il film che segna l’inizio della sua collaborazione con lo sceneggiatore Cesare Zavattini. La storia anticipa le novità tecniche e tematiche della sua produzione successiva.
Nel dopoguerra realizza due capolavori del neorealismo: ‘Sciuscià‘ del 1946 e ‘Ladri di biciclette‘ del 1948, entrambi premiati con l’Oscar.

Attore e regista di grande talento Vittorio De Sica ha lasciato un segno importante anche nella storia della canzone italiana. Il suo primo grande successo come cantante arriva all’inizio degli anni Trenta con ‘Parlami d’amore Mariù‘. È proprio in quel periodo che una parte della critica italiana inizia a paragonarlo al grande Maurice Chevalier, uno dei grandi protagonisti dello spettacolo internazionale. Il giovane De Sica mostra, però, di non apprezzare particolarmente il paragone, e nel 1936 approfitta di un’intervista per farlo sapere a tutti: «Mi si chiama in giro lo Chevalier italiano. Si tratta di un ingiusto battesimo al quale mi ribello per infinite ragioni…». Espone le differenze tra lui e lo chansonnier francese, e alla fine spiega quale sia la canzone principale: lui non si ritiene un semplice cantante ma «…un autore drammatico che per proprio diletto, prima che per altrui, canta anche canzoni…». Nonostante l’atteggiamento personale un po’ scontroso nei confronti della canzone, negli anni Trenta Vittorio De Sica è uno dei protagonisti più importanti e di maggior successo della scena musicale italiana, come dimostra il numero notevole di suoi dischi a 78 giri pubblicati dalla Columbia. Nel 1932 sono cinque, salgono a ventisei nel catalogo della stessa etichetta del 1934 e raddoppiano ancora in quello del 1942. La casa discografica non dà troppo retta alle sue prese di distanza dalla canzone, e ne sfrutta fino in fondo la popolarità e il talento. L’unica concessione alla sua richiesta di non essere confuso con gli altri cantanti è nella presentazione sulle pagine dei cataloghi della casa discografica, dove viene descritto con questa frase un po’ contorta: «L’aristocratico artista della scena di prosa che ha dimostrato brillantemente come si possa fare dell’arte anche fuori dalla ribalta».
Nonostante gli impegni cinematografici non abbandona mai del tutto la musica leggera. Nel 1971 realizza l’album ‘De Sica anni Trenta‘ in collaborazione con il figlio Manuel.

Muore il 13 novembre 1974, a 73 anni, dopo un intervento chirurgico all’ospedale di Neuilly-sur-Seine, presso Parigi. La sua salma riposa nel cimitero monumentale del Verano a Roma.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->