venerdì, Ottobre 22

Virginia Raggi ci casca ancora Non contenta delle vicende del caso dei Marra, ora ricade in un altro caso: l’assunzione nello staff dell’assessore all’Urbanistica della compagna di Gianni Lemmetti, assessore al Bilancio. Incapacità o responsabilità?

0

Virginia Raggi ci casca ancora.

Mentre riesce a piazzare la domenica ecologica proprio in un periodo di zona rossa, producendo ulteriori difficoltà (e multe) ai cittadini già imbufaliti dai cantieri aperti in tutta Roma per le elezioni imminenti (nei precedenti anni non aveva fatto niente e le strade stavano andando in malora), le scoppia l’ennesimo scandalo familista sotto la comoda poltrona vellutata.

Non contenta delle vicende del caso dei Marra – “la sua nomina l’ho dovuta ingoiare”- che l’hanno vista protagonista di lunghe vicende giudiziarie con assoluzione che lascia interdetti, ora ricade in un altro caso: l’assunzione nello staff dell’assessore all’Urbanistica della compagna di Gianni Lemmetti, assessore al Bilancio.

Come al solito si è ‘infuriata’ per la nomina, ma solo dopo che era avvenuta e i giornali l’avevano scoperta e così ha fatto il solito gran gesto, come per la vicenda dei Marra, di mandarla via.

Ma a questo punto una domanda è d’obbligo: è possibile che la sindaca si accorga solo a cose fatte delle nomine a ‘sua insaputa’? È possibile che cada sempre dal pero dopo che il patatrac è successo?

O è incapace o è responsabile. In ogni caso altro che ‘Campidoglio casa di vetro’ con cui tuonava quando era all’opposizione.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->