sabato, Aprile 17

Violenza su bambine, parlamentari indiane in protesta field_506ffb1d3dbe2

0

Dopo l’ennesima violenza sessuale ai danni di due bambine, domenica scorsa le parlamentari indiane hanno inscenato una protesta contro Arvind Kejriwal, a capo del governo locale di New Delhi, fuori della sua residenza. Le donne chiedono le sue dimissioni per non aver mantenuto, dopo anni, la promessa di rendere la capitale più sicura per loro. Oscurando un po’ le intenzioni, la protesta è stata criticata per la presenza di bambini. «Un nuovo modo di protestare», commenta il giornalista, «d’altra parte le vittime di violenza sono spesso minorenni». Spesso anche molto piccoli, le ultime due vittime per esempio hanno 5 e 2 anni. I presunti colpevoli, due adolescenti, minorenni anche loro.

«Kejrawal ha solo politicizzato i casi di stupro», accusano le donne, dall’altro lato il governatore preme per la creazione di una sorta di “para-polizia”, «posta sotto la sua stessa supervisione, che prenda il controllo della situazione e provveda alla sicurezza delle donne». «Quello che vediamo», dice una manifestante, «è che due minorenni sono state violentate ancora e la polizia e il governo sanno solo incolparsi l’un l’altro senza prendersi carico delle azioni necessarie». Il National Crime Records Bureau (NCRB) ha segnalato 36.700 casi di stupro in India nel 2014, anche se alcuni esperti dicono che il numero è sottostimato.

(tratto dal canale Youtube di NewsX)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->