venerdì, Settembre 24

Video choc: soldati israeliani sparano proiettili veri contro palestinesi Immagini forti, con le truppe che scherzano. Ed è polemica

0

Un video choc nelle ultime ore sta facendo parlare in Medio Oriente. Soldati israeliani riprendono gli scontri con alcuni manifestanti palestinesi, che lanciano pietre e altro materiale su di loro, per poi rispondere ad alcuni di essi con proiettili veri, scherzando poi sulla buona mira avuta e sui loro ‘obiettivi’. Immagini incredibili che hanno immediatamente animato la polemica. Solo nel 2015 le forze israeliane hanno arrestato oltre 1.900 palestinesi nella Gerusalemme Est occupata: la maggior parte si tratta di minori, secondo quanto dichiarato da un’organizzazione per la difesa dei diritti dei prigionieri. Mentre le proteste, anche violente, da parte dei palestinesi, continuano. Venerdì scorso due palestinesi di 19 e 26 anni sono rimasti uccisi in scontri con l’esercito israeliano al confine tra la Striscia di Gaza e Israele, mentre altri 10 sono stati feriti. Da inizio ottobre sono almeno 23 le persone uccise lungo quella striscia di confine. Un blocco che è in vigore anche via mare. Sabato scorso la marina israeliana ha aperto il fuoco contro barche da pesca palestinesi al largo delle coste di Khan Yunis, nel sud della Striscia, costringendole a rientrare sulla costa. Nessun ferito questa volta, ma nel 2015, secondo il Pchr sono stati almeno 117 gli incidenti, con 22 palestinesi feriti e 15 arrestati.

 

(video tratto dal canale Youtube di RT)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->