domenica, Dicembre 5

Video: arriva Facebook Surround 360 Per ora però si tratta di un prodotto professionale: il costo è di 30mila dollari

0

Ormai cominciano a spopolare i video a 360 gradi sulla Rete. E visto che un mercato così giovane va ‘aggredito’ e sfruttato fin da subito, Facebook non poteva farsi scappare l’occasione. Presentato infatti il Facebook Surround 360, la prima videocamera del genere del colosso di Zuckerberg. Se finora era la qualità a penalizzare le riprese in tal senso, Surround 360 prova a colmare proprio questo gap: la forma è quella di un disco volante, che al suo interno però ha ben 14 videocamere grandangolari sul piano orizzontale e altre tre sull’asse verticale, rispettivamente una sopra e due sotto. Queste sono collegate ad un sistema hardware capace di gestire le informazioni in arrivo dai sensori (riprese in 8K) per elaborarle in tempo reale in video a 360°. Al momento però la soluzione presentata da Facebook non è per tutti. Infatti si parla di una valore di 30.000$, a metà tra quello di GoPro e quello di Nokia. Ma la novità è che i dettagli del progetto di Surround 360, sia lato hardware sia lato software, saranno pubblicati su GitHub, così da permettere a chiunque di riprodurlo.

(video tratto dal canale Youtube del Wall Street Journal)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->