mercoledì, dicembre 19

Victoria’s Secret: numeri (e curve) di un marchio planetario A Shanghai ieri la sfilata più attesa dell'anno. In passerella anche un reggiseno da 2 milioni di dollari

0

Si è svolto ieri a Shanghai, in Cina, lo show di intimo più atteso dell’anno: quello degli ‘angeli’ di Victoria’s Secret. La sfilata è stata divisa in sei temi: Punk Angel, Winter’s tale, Pink Millenial, Goddesses, Nomadic Adventure e Porcelain Angel e a portare i diversi look in passerella sono state 60 donne tra le più belle del mondo.

E’ toccato a Lais Ribeiro, 27 anni, brasiliana, portare il pezzo più prezioso del Victoria’s Secret Fashion Show 2017, ovvero il nuovo reggiseno da 2 milioni di dollari chiamato Champagne Nights Fantasy Bra. La particolarità è che è stato realizzato utilizzando circa 6mila gemme oltre a diamanti e zaffiri gialli.

La sfilata è diventato uno degli eventi più seguiti a livello mondiale in fatto di moda. Il marchio d’altronde è diffuso in tutto il pianeta. Proprio qualche mese fa l’inaugurazione del primo monomarca a Shanghai, che ha fatto da apripista per una massiccia conquista del Paese asiatico da parte di Victoria’s Secret. Oltre 2500 metri quadrati di superficie, per un negozio che si aggiunge ai 26 store già presenti nel Paese, ma dedicati esclusivamente agli accessori e alla bellezza. Per la prima volta invece il brand ha portato la sua lingerie, e presto arriveranno altri due negozi, a Chengdu, e entro la fine dell’anno a Pechino.

A guidare il marchio di Victoria’s Secret il gruppo americano L Brands, controllante tra i vari anche altri brand di successo come Pink, Bath & Body Works, La Senza e Henri Bendel. E il fatturato del marchio di intimo è da capogiro: nel solo 2016 ha toccato quota 7,67 miliardi di dollari, in progressione del 6,4% grazie soprattutto al segmento retail, a +7,2% per 6,11 miliardi di dollari.

(video tratti dai canali Youtube di EL PAIS e Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.