sabato, Luglio 24

Viagra: la pillola ‘miracolosa’ compie 20 anni E pensare che la scoperta delle proprietà benefiche sull'erezione maschile fu del tutto casuale

0

27 marzo 1998: una data storica, perché la Food and Drug Administration americana diede il via libera alla vendita del farmaco messo a punto dalla Pfizer, ossia il Viagra. Da allora di strada ne è stata fatta, precisamente 65 milioni di prescrizioni.

E pensare che la scoperta delle proprietà benefiche sull’erezione maschile fu del tutto casuale. All’inizio degli anni ’90 alcune squadre di Pfizer stavano sperimentando un nuovo farmaco chiamato Sildenafil contro ipertensione e angina. Non si rivelò utile per placare il dolore toracico, ma il farmaco ebbe sugli uomini un inatteso effetto collaterale, cioè l’erezione. A quel punto Pfizer cominciò a concentrare le ricerche sull’impotenza maschile, problema che colpisce un terzo degli uomini sopra i 40 anni.

Nel primo anno in cui fu commercializzato, il Viagra totalizzò vendite per un miliardo di dollari. Si stima che la cifra sia salita in questi 20 anni fino a 17 miliardi. Il successo mondiale, oltre ogni previsione, rende il Viagra anche il farmaco più contraffatto in assoluto. Un sondaggio condotto nel 2011 da Pfizer mostrò che l’80% del Viagra acquistato su Internet era falso e poteva contenere di tutto, dai pesticidi al gesso all’inchiostro per stampanti.

Il brevetto è scaduto nel 2013 in Europa, dove è quindi possibile produrre e acquistare il generico del Sildenafil. L’Europa copre circa il 25% del fatturato, l’Italia è il secondo mercato del continente dopo il Regno Unito con una media di 4.300 pillole blu ogni 1000 uomini oltre i 40 anni.

(video tratto dal canale Youtube di El Pais)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->