lunedì, ottobre 22

Viaggio all’ interno del mondo sciita Si è parlato, qualche tempo fa, della volontà di fare di Qom un Vaticano sciita. Il professor Raffaele Mauriello ci spiega perché questo non è possibile

0

Non c’è il rischio che il potere religioso e quello statale vadano in competizione?

Nella sua storia, lo sciismo è stato tendenzialmente minoranza all’interno dell’Islam. A parte rari casi, come quello iraniano, non è mai stato al potere. Se pensiamo a uno Stato relativamente giovane come l’Iraq, invece la situazione è molto diversa. Ai tempi dell’Impero ottomano, lo sciismo, pur essendo minoranza, era comunque generalmente tollerato. Najaf e Karbala erano ovviamente già presenti e fungevano da centri di riferimento per la comunità, ma non all’interno dello Stato, molto meno pervasivo e più lontano rispetto ai nostri giorni. Non c’era quindi il problema della contrapposizione, che invece si è posto con l’arrivo dello Stato moderno. Anche in Iran, che ha una più lunga tradizione statale, la questione si è posta con la modernizzazione voluta da Pahlavi. Lo shah, che poi cadde con la rivoluzione del 1979, tentò a più riprese di controllare gli ulema, inizialmente con successo. In seguito, il suo regime cadde e il potere venne preso proprio dagli ulema (anche se la questione è più complessa ed è sbagliato definire l’Iran una teocrazia). Oggi gli ulema hanno un ruolo importante, ma la particolarità dell’Iran è che sono contemporaneamente presenti sia un’organizzazione tradizionale dei riferimenti religiosi (fuori dallo Stato), sia istituzioni statali che vedono la partecipazione degli ulema. Tuttavia, la convivenza è spesso conflittuale: i marja sono spesso critici nei confronti dello Stato iraniano.

In Iraq la questione è più complessa: Najaf è rimasta volontariamente fuori dalle questioni politiche dello Stato iracheno, tanto che, spesso, gli americani, durante l’occupazione, hanno contato sull’appoggio di alcune personalità legate a Najaf. E, in effetti, inizialmente la marjayyia appoggiò l’invasione, perché aveva subito danni dal regime di Saddam: tuttavia, ha subito chiarito che avrebbe mantenuto una totale autonomia sia dagli Stati Uniti, sia dallo Stato iracheno. Questi centri religiosi sono dunque effettivamente indipendenti dallo Stato irachene: le personalità religiose si chiamano fuori dalla discussione politica e intervengono in casi molto limitati. Un caso importante fu quando Sistani intervenne nel periodo successivo alla caduta di Saddam, invitando gli sciiti iracheni a partecipare alle elezioni, utili per l’indipendenza del Paese e per renderlo autonomo dalla presenza americana. La dirigenza sciita irachena, dunque, è intervenuta nella vita politica dell’Iraq, in maniera limitata e democratica, ossia, per difendere il sistema democratico, a volte contro gli Stati Uniti, altre contro lo Stato iracheno. E questa è un’attitudine tradizionale dello sciismo: le guide religiose sciite sono sempre stati dei riferimenti per i credenti e sono intervenute in rare occasioni per questioni politiche, anche ai tempi dell’Impero ottomano. Hanno avuto un ruolo di primo piano ai tempi della colonizzazione, opponendosi fortemente a essa, ma è un’eccezione. Ciò non vuol dire che non ci siano degli ulema che partecipano alla vita religiosa, ma nessuno di questi è un importante figura di riferimento religiosa, che si occupano unicamente di produrre teologia islamica sciita, occuparsi dei luoghi santi e dei pellegrinaggi, favorire la diffusione dello sciismo e, soprattutto, insegnare teologia e diritto islamico.

È sempre complesso parlare di sciismo, in quanto le differenze fra i diversi luoghi che possono contare su una presenza sciita fanno sentire la propria influenza in maniera spesso decisiva.

Le città sante sono centri di produzione teologica ‘alta’, ma sono anche molto frequentati dal popolo. Come si coniugano questi due aspetti?

Se parliamo di religione popolare non si può non far riferimento ai pellegrinaggi. Sotto questo aspetto, Mashhad è il centro più importante in Iran, seguito da Qom, che gode della vicinanza dalla capitale. Mashhad è molto più distante da Teheran, ma rimane il centro principale del pellegrinaggio sciita in Iran: secondo alcune stime ha un’affluenza superiore a quella della Mecca. Qom ha cifre inferiori rispetto all’altro santuario iraniano. Tuttavia, oltre al mausoleo della sorella di Reza, possiede anche un altro santuario molto importante, in cui non è sepolto nessuno: sarebbe infatti legato al dodicesimo imam, che, nella tradizione sciita, è ancora in vita. I credenti sciiti attendono il suo ritorno, insieme a Gesù, per salvare il mondo. Per questa ragione anche Qom è una città fondamentale per i pellegrinaggi e, di conseguenza, per la religiosità popolare. A tal proposito, questi mausolei, diffusi in tutto l’Iran, sono molto ambiti come luogo di sepoltura per i credenti sciiti, anche se oggi è molto difficile dati i prezzi molto elevati.

La marjayyia cerca di vivere in simbiosi con questi centri di pellegrinaggio: approfittando della grande affluenza popolare, i marja ottengono visibilità, spingendo i credenti a interessarsi ai loro insegnamenti e, magari, fare qualche offerta. Sono dunque centri importanti per la religione popolare. Tuttavia, non sempre i credenti sciiti seguono un marja ed è difficile stabilirlo, non essendoci accesso ai registri.

Gli sciiti, comunque, amano fare pellegrinaggi, anche quello a la Mecca, pur essendo tutto complicato dai difficili rapporti politici e diplomatici fra Iran e Arabia Saudita.

Come mai si è parlato di Qom, negli ultimi giorni?

Come dicevo, non si è mai parlato seriamente di un Vaticano sciita, oltre a qualche dibattito per Najaf. Essendo Qom in competizione con il centro iracheno, si era accennato anche a un eventualità del genere per la città iraniana, ma non è mai stato preso in considerazione. Guardando alla religione cattolica, Roma è diventata centro del cattolicesimo per una serie di ragioni storiche, ma per lo sciismo ormai i centri sono più di uno. A ben vedere, poi, a livello internazionale la città a cui tutti gli sciiti guardano è Najaf: che senso avrebbe rendere Qom un Vaticano sciita quando non è nemmeno il centro principale dello sciismo? Inoltre, storicamente, questi centri si sono anche spostati: uno dei fattori che rende importanti queste città è la presenza degli ulema, che, in passato, per cause storiche e politiche si sono trasferiti da una città all’altra, rendendo quest’ultima un centro di riferimento per il mondo sciita. Come si può capire, trovare un centro dello sciismo sfugge alla natura dello sciismo stesso.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore