martedì, Giugno 15

Venezuela, Maduro vince ma l’opposizione si ribella Il Partito Socialista Unito ha conquistato 17 governatorati su un totale di 22 nelle elezioni amministrative

0

Nicolas Maduro rivince in Venezuela. Il Partito Socialista Unito ha conquistato 17 governatorati su un totale di 22 nelle elezioni amministrative, confermandosi primo nel Paese, nonostante la grave crisi economica e politica. Al Tavolo di opposizione democratico sono toccati solo 5 amministrazioni. Maduro ha definito la vittoria elettorale come una «prodezza morale e politica».

Resta ancora incerto il risultato nello Stato di Bolivar. «Tendo fin da ora la mano ai cinque governatori di opposizione per lavorare per le loro regioni», ha detto Maduro parlando dal Palazzo di Miraflores a Caracas, da dove ha respinto «le grida di frode lanciate da alcuni dirigenti della destra».

Infatti l’opposizione venezuelana ha dichiarato che non riconosce i risultati delle elezioni: «Né il Venezuela né il mondo credono alla storiella che ci hanno raccontato», ha detto il responsabile elettorale del Tavolo dell’Unità Democratica (Mud, nella sua sigla in spagnolo), Gerardo Blyde.

Anche prima della lettura del primo bollettino elettorale da parte della responsabile del Cne, Tibisay Lucena, il Mud aveva avvertito che le cifre dello scrutinio ufficiale non corrispondevano a quello di cui disponevano i dirigenti oppositori, che invece indicavano una netta vittoria antichavista. «Abbiamo anche chiesto ai candidati di organizzare mobilitazioni di piazza per appoggiare la nostra denuncia, perché stiamo vivendo un momento molto grave per la repubblica e per il Paese», ha detto Blyde.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->