martedì, Settembre 21

Venezuela, la Russia pronta a scongiurare la crisi Firmato l'accordo per la ristrutturazione del debito di Caracas con Mosca per cui 3,15 miliardi di dollari verranno restituiti nell'arco di dieci anni

0

Il Venezuela sta vivendo un periodo di crisi senza precedenti. E oltre alla crisi umanitaria, ecco arrivare quella economica. In realtà va già avanti da tempo, ma ora forse ecco arrivare un aiuto concreto. Russia e Venezuela infatti hanno firmato ieri l’accordo per la ristrutturazione del debito di Caracas con Mosca per cui 3,15 miliardi di dollari verranno restituiti nell’arco di dieci anni, con rate minime nei primi sei anni.

Il ministro dell’economia venezuelano Simon Zerpa ha precisato che l’accordo non include il debito contratto dalle compagnie venezuelane, inclusa la compagnia del petrolio PDVSA. Il debito estero complessivo che il Venezuela non è più in grado di restituire ammonta a 140 miliardi di dollari.

Il portavoce del Cremino, Dmitri Peskov, rispondendo alla domanda dei giornalisti che gli chiedevano se Mosca fosse pronta ad aiutare Caracas ancora in qualche modo, oltre che con l’offerta dilazione per la ristrutturazione del debito, ha detto che però il Venezuela non ha chiesto ulteriori aiuti.

La situazione rimane comunque tragica per il Venezuela, che si è visto declassare il rating da CC/C a SD/C (default selettivo) da Standard & Poor’s e Fitch. La decisione dei due istituti di valutazione finanziaria è arrivata dopo il mancato pagamento degli interessi dei bond che il Paese aveva emesso in scadenza nel 2019 e nel 2024.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->