sabato, Aprile 17

Venezuela, crisi senza fine: prova ad intervenire Papa Francesco

0

Le proteste contro il presidente Nicolas Maduro in Venezuela continuano ormai da due mesi. E la situazione per la popolazione si fa sempre più pesante. Salgono a livelli mostruosi i prezzi dei beni di prima necessità, l’inflazione è destinata a salire al 2000% nel corso del 2018. E negli ultimi giorni ecco un altro colpo: il cambio con il dollaro del bolivar, la moneta locale venezuelana è crollato del 64% dopo un’asta pubblica della valuta americana. Il governo infatti ha introdotto da pochi giorni un ennesimo sistema di cambio (in Venezuela ne esistono tre, oltre al mercato nero) con un’asta pubblica. Perché lo fa? Per limitare le vendite tra privati di dollari americani e sconfessare il mercato nero dove ieri un dollaro veniva scambiato a 6.100 bolivar.

06. Una misura che, qualora fosse presa, darebbe il colpo fatale ad un’economia già al collasso: infatti il Venezuela esporta per il 95% solo greggio, che è anche l’unica fonte di accesso ai dollari. Altrimenti si pensa  all’esclusione dalle gare di appalto negli USA nei confronti della compagnia petrolifera statale venezuelana PDVSA.

Intanto Maduro ha annunciato che è il 30 luglio la data scelta per l’elezione dell’assemblea che avrà il compito di scrivere la nuova costituzione del Paese. L’opposizione ha liquidato la decisione come l’estremo tentativo del presidente di restare al potere. «Questa assemblea costituente non va bene e non può funzionare», ha detto Julio Borges, presidente dell’Assemblea nazionale, «e non perché siamo noi a dirlo, ma perché è l’intero paese a rifiutarla. Non può funzionare perché la comunità internazionale la considera illegittima. Non può funzionare perché una minoranza che ha rubato, ha usato la violenza sul suo popolo e ha rotto ogni legame con la costituzione non può imporre la propria volontà attraverso un’assemblea illegittima».

E in questo caos si muove anche Papa Francesco. Convocati infatti i vescovi del Venezuela in Vaticano per ricercare soluzioni alla grave crisi che ha messo in ginocchio il Paese. Lo rivelano a ‘Vatican Insider‘ fonti dell’episcopato venezuelano.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->