mercoledì, Aprile 14

Vendite in calo per la catena svedese H&M field_506ffbaa4a8d4

0

Le attese degli analisti sono state deluse amaramente: gli acquisti che hanno coinvolto H&M, nel mese di aprile, sono saliti soltanto del 5%, non del 9%. La seconda catena di negozi di abbigliamento al mondo ha venduto meno del previsto ed è tra i peggiori titoli in Borsa, attualmente. Le borse europee quotano in calo Hennes & Mauritz dopo i dati deludenti sulla crescita delle vendite. Già nei primi mesi di febbraio, H&M aveva chiuso febbraio con ricavi in aumento del 9%, ma con un utile netto in calo del 30% rispetto al corrispondente periodo del 2015, a causa del rafforzamento del dollaro che ha ‘mangiato’ i profitti della grande catena svedese. Nonostante ciò, intanto, è salito il numero dei negozi della catena che si sta espandendo in tutto il mondo, dalla Nuova Zelanda, a Cipro, India e Porto Rico. Conta di aprire 425 nuovi store, per la maggior parte in aree dove il gruppo è già presente. Anche la vendita on line ha dato esiti positivi.

Anche altri rivenditori, intanto, hanno annunciato cali e vendite deludenti, nel trimestre di inizio anno. I risultati preoccupano perché, oltre a una stagione negativa dal punto di visto del meteo, potrebbero indicare un calo della domanda nei mercati chiave. Insomma, la primavera non è stata affatto propizia per il grande colosso svedese.

(Video tratto dal canale Youtube: euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->