martedì, Aprile 20

Vendere le aziende ai cinesi? Perché sì Francesca Spigarelli dell'Università di Macerata spiega i risvolti positivi dell'operazione

0
1 2


Inserito come un dialogo virtuale nel volume appena pubblicato dalle edizioni Olivares ‘La Cina non è ancora per tutti‘, il contributo di Francesca SpigarelliGli investimenti cinesi in Italia‘ (scritto a quattro mani con Thomas Rosenthal) risponde a molti degli interrogativi di tipo finanziario che molto probabilmente si stanno ponendo alcuni imprenditori italiani, persino in questo agosto soffocante, nei confronti del colosso cinese. Vendere o non vendere il proprio brand ai cinesi? Continuare a tirare la carretta da soli, con il gravame delle banche sul collo, o cedere alla grande tentazione di alleggerire l’indebitamento imprimendo una svolta internazionale al proprio business?

Spigarelli (43 anni), che insegna Economia Politica e Manageriale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Macerata, e dirige il Centro di ricerca China Center dell’ateneo, non ha dubbi sul fatto che per supportare le imprese italiane, l’ingresso di capitali cinesi rappresenti un’ancora di salvataggio. Nell’intervista che segue, in esclusiva per L’Indro, la studiosa ce ne illustra i motivi.

Il punto è che, nell’ambito della politica del ‘Go Global‘ (che dall’inizio del nuovo Millennio è giunta a un’altra nuova fase programmatica), le ricche banche cinesi hanno ricevuto da Pechino l’input di fare crescere le piccole e medie imprese del Paese, e di farlo soprattutto sostenendo le loro attività di acquisizioni e partnership all’estero. Le aziende candidate al sostegno delle banche cinesi sono di diversi tipi, ma è noto che l’ultima tendenza degli investimenti cinesi all’estero è quella di concentrarsi meno sugli idrocarburi e sulle risorse naturali (come fu all’inizio del Go global) e più sull’elettronica, l’agroalimentare, la ristorazione e la farmaceutica. Eccola qui, allora, la grande occasione per l’Italia, ma questa volta è il turno delle Pmi.

 

Con la politica del ‘Go Global’ gli investimenti cinesi in Italia sono in crescita?

Il nostro Paese, praticamente assente tra le destinazioni cinesi sino a un decennio fa, si è reso protagonista negli ultimi anni di una attenzione crescente da parte cinese. Lo spostamento d’interesse dalle materie prime alle tecnologie, al know how e ai marchi, ha fatto divenire l’Italia una delle mete più interessanti per il Go Global.

 

Si aspetta una vera e propria ondata d’investimenti cinesi, così com’è avvenuto in altri Paesi fuori dall’Europa?

L’ondata è pienamente in corso. E dopo l’offerta su Pirelli è ancora più chiaro come la Cina stia sistematicamente investendo nel nostro Paese, quale meta prioritaria in Europa. Un cambiamento nei numeri si riscontra già dal 2014, tanto che si può parlare dell’anno scorso come dell’anno d’oro degli investimenti cinesi in Italia. Sia come investimenti di portafoglio, sia come investimenti diretti esteri.

Vogliamo dare le cifre?

Gli investimenti diretti nel 2014 sono quattro volte superiori rispetto al picco del 2011, cioè circa 887 milioni di dollari (670 milioni di euro), mentre gli investimenti di portafoglio (o mobiliari) sono pari a circa 3,7 miliardi di dollari (2,8 miliardi di euro).

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->