martedì, Ottobre 26

Vaticano: le immagini dei due nuovi dipinti di Raffaello Due dipinti di donne raffiguranti l’allegoria della 'Giustizia' e dell’'Amicizia' realizzati dall’artista nel 1520

0

Eccezionale scoperta nei Musei Vaticani durante il restauro di una delle Stanze di Raffaello. Due dipinti di donne raffiguranti l’allegoria della ‘Giustizia’ e dell’’Amicizia’ realizzati dall’artista nel 1520, sono venuti alla luce.

I recenti restauri alla Sala di Costantino, lasciano trapelare l’inconfondibile tocco di Raffaello e li pongono nell’ultimo periodo di vita dell’artista. Raffaello progettò e disegnò la Sala realizzando di sua mano i dipinti di due figure femminili sperimentando una nuova tecnica di pittura a olio: una resina naturale, chiamata anche pece greca, veniva applicata sul muro, su quella base veniva realizzato il dipinto come se fosse su tela o su tavola.

La stanza rimase in parte incompiuta a causa della prematura morte di Raffaello a soli 37 anni, nel 1520, e venne poi completata dai suoi allievi che ripresero la tecnica tradizionale lasciando solo queste figure femminili come un autografo di Raffaello. Il restauro ne conferma la paternità: gli altri affreschi sono stati realizzati con la pittura a fresco tranne che le due figure femminili che risultano di qualità molto superiore.

L’intero progetto di restauro si concluderà nel 2022, con un costo che si aggirerà intorno ai 2,7 milioni di euro.

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->