lunedì, Giugno 14

Vaccino Covid-19: E li chiamano ‘Scienziati’ … L’un contro l’altro (Crisanti, Viola, Bassetti, Capua, Zangrillo, ecc…), tutti vate, tutti a dire tutto e il contrario di tutto, e noi in mezzo, perché quando si straparla così si crea incertezza e sfiducia nelle autorità, nella scienza, nel governo

0

Ieri ho parlato a lungo della vicenda del signor Nicola Morra, che ritiene di essere un onorevole. Oggi, vediamo che i guai di questo Paese, non finiscono lì. Anzi, vediamo un po’.

In una delle sue tre o quattro comparsate giornaliere in tutte le TV del creato a parlare, parlare, parlare e dire, dire, dire, tutto e i contrario di tutto, quel bel tomo di Andrea Crisanti (poi seguito, in parte come al solito, i due piedi in una scarpa sono una abitudine in questo Paese, dal vate del giornalismo italiano) che dice che lui il vaccino non se lo farebbe. Lui Crisanti, ha detto proprio così.
Perfetto: l’autogol (?) perfetto.
Proprio lui, loscienziatoinsuperabile, il salvatore del Veneto (ah no, quello lo ha salvato Zaia, mangiando i topi e i congiuntivi) e non so di che altro, il rigorosoprecauzionista’, il pessimista cosmico, dal quale siamo afflitti ogni giorno (insieme a vari altri, sia chiaro, ma lui va per la maggiore), proprio lui se ne esce con una cosa del genere. Oltre tutto detta proprio così, senza ulteriori spiegazioni, commenti, articolazioni, nulla: non lo farei. Punto!
Invero, il virologo Crisanti è stato subito (beh, quasi)
subito sconfessato dallascienziatasignora Antonella Viola, che, invece, si farebbe il vaccino anche subito, anzi, se li farebbe tutti e tre, e perfino dal triste professor Andrea Bassetti, che anche lui lo farebbe, pur essendo seccatissimo, come è, che non ci siano professori nel Comitato tecnico scientifico, non almeno della altezza sua e di Alberto Zangrillo … Crozza docet. Insomma, solo per un inciso, il brillante professore Bassetti, non solo vorrebbe andarci lui, ma dice, con queste frasi (del resto in buna compagnia di Zangrillo e altri) che il Comitato fa un po’ schifo perché ci sono tipi che manco una cattedra universitaria hanno. Puah!

Sarà pure vero, per carità, ma insomma stabilire una relazione diretta tra cattedra universitaria e competenza e cultura (sia pure solo medica) a me pare una decisa forzatura: lo dico da professore universitario, sia chiaro. Io quella relazione, proprio non la vedo. A parte che quel comitato composto da persone operative sul campo, che quindi non hanno la funzione di ‘fare’ gli scienziato, ma di ‘conoscere’ la scienza quanto basta per consigliare il potere, che poi è quello che deve agire. E potrei anche aggiungere, che il fatto che non ci siano professori universitari è un fatto positivo. Perché se è vero come lascia intendere Bassetti e Zangrillo e altri che loro sono scienziati bravi e puri, è bene che facciano gli scienziati bravi e puri, è bene che stiano nei loro laboratori o nelle loro corsie a portare avanti le lori ricerche (se le fanno!) è bene che cerchino loro un vaccino, che trovino loro le mutazioni del virus. Poi altri, informati da loro, capiscono e danno al Governo consigli magari comprensibili a chi di medicina non capisca nulla. Sarebbe logico tutto ciò, ma sarebbe anche strano in questo Paese, perché questi grandi scienziati, poi, invece di raccontarci delle loro ricerche e delle loro previsioni, non fanno che, da un lato, insolentirsi e contraddirsi a vicenda, e dall’altro (lo vediamo tra un istante) fare previsioni improbabili e dare consigli a dir poco inverecondi.

Ma, tornando al punto, che ti fa il Crisanti? Subito dopo avere pronunciato la infelice (ma secondo me lo pensava veramente, e questo è davvero molto grave) frase, eccolo lì a correre a precisare (non osa dire di essere stato frainteso perché è registrato e lo hanno visto tutti) che intendeva dire che non lo farebbe … prima che sia stato (il vaccino) approvato dalle varie commissioni scientifiche competenti. E, badate bene, lo ha detto senza ridere, con quella faccia triste e incartapecorita un po’ da menagramo (mai come Bassetti o il Presidente del CTS Agostino Miozzo). Insomma, siamo alle solite, butta la petrella …’. E che, si riferiva forse ad una qualche dose di vaccinodi contrabbando? Caro professor Crisanti, salvo errore e salvo i soliti raccomandati (quelli non mancano mai), nessuno al mondo potrà fare i vaccini se prima non saranno stati validati e approvati dalle infinite autorità competenti, mondiali e non. Sbaglio? E allora che fa, professor Crisanti, ci prende, noi cittadini, per fessi? Temo di sì, e ciò aggiunge gravità a gravità. Mah.

Però qui, un piccolo approfondimento va fatto. Intanto il vate di cui parlavo prima, va dalla signora Lilli Gruber, per commentare le uscite del Crisanti, con quell’aria tra l’ascetico e il profetico che gli è propria, dice che lui lo farebbe sì, subito, il vaccino, ma lo sconsiglierebbe aigiovani’. Non ha specificato chi sono i giovani, ma tant’è: lui sì, i giovani no. E perché? Boh. Lascia intendere, ma si guarda bene dal dire, che aspetterebbe di vedere se ci sono controindicazioni constatabili nel tempo. Fedele alle idee del suo (presumo) referente culturale il signor Giovanni Toti, che dice che tanto i vecchi sono improduttivi e quindi (interpreto così il pensiero del vate, mi perdonerà se sbaglio) se muoiono non fa nulla, e poi, tanto hanno poco da vivere comunque e magari non fanno in tempo a veder gli effetti negativi del vaccino! Secondo me si è distratto e ha dimenticato che lui, il vate, un giovincello non è, e quindi si potrebbe pensare che ci metta anche sé stesso nel mucchio dei morituri … beh sì potrebbe: ma i vati come lui mica muoiono e quindi … vuoi vedere che lui si considera immortale, oltre che vate?
Sorvolo sulla assurdità della proposta, che
lascerebbe il virus agire indisturbato e continuare a fare danni, ma solo sui più giovani, che tanto immuni poi non mi sembra che siano. Ma di queste quisquilie i vati non si preoccupano, a loro basta la comparsata e il vaticinio: non so il cachet e quindi non alludo, per carità, sono di sicuro partecipazioni gratuitamente condiscendenti … oddio salva la solita presentazione del solito libro. Incidentalmente: sarebbe bello, giusto, corretto, onesto e trasparente se i partecipanti a queste trasmissioni, vati e non, ci dicessero quanto ‘prendono’ … suvvia, lo fate solo per carità di patria?

Tornando a noi, sorvolo anche, perché mi rifiuto di discutere di simili assurdità, sulla proposta della virologa-esule Ilaria Capua, che propone (seriamente, sia chiaro!) di attrezzare i cinematografi (avete letto bene sì, le sale cinematografiche) a centri di somministrazione del vaccino perché hanno … molta corrente elettrica e quindi possono alimentare i freezer a -70°! Ha dimenticato, però, le discoteche e le balere e non trascurerei le pescherie, quelle già ce li hanno i freezer, sai che risparmio … magari uno si fa vaccinare e gli danno in omaggio un chilo di vongole. Ma si sa, la signora viene dalla Florida, lì forse faranno così e magari useranno anche la reggia con piscine di Trump, hai visto mai!

Sono al limite della depressione, vi giuro, ma una parola in più ci vuole. Perché quando si parla così (sia il vate che il virologo-epidemiologo-oftalmologo, non so e sorvolo sulla esule) si determinano alcune conseguenze. Si crea incertezza e sfiducia, sfiducia nelle autorità, nella scienza e quindi nel governo. Non dico che quest’ultimo ne meriti e infatti non ne ha, ma resta il fatto che in un momento così delicato, diffondere sfiducia mi sembra una cosa criminosa. Diffondere sciocchezze, forse anche peggio.
Ma, inoltre, così
si diffonde sotto traccia l’idea che il vaccino (come altri, magari?) potrebbe fare male per motivi anche misteriosi e magici (come molti imbecilli anti-vaccino pensano) e quindi tutto ciò potrebbe rafforzare chi ai vaccini si oppone, diffondere sfiducia nei vaccini e, insomma, rischiare di non combattere efficacemente questa epidemia, che, mi pare, oltre a intasare gli ospedali, provoca vari morti, vecchi, certo.
Dicevo autogol con un punto interrogativo. Siamo proprio sicuri, e se invece fosse un gol? Smentiranno, preciseranno, ne riparleranno? Certo. E ci
spiegheranno’.
Ma, tenetelo presente, almeno voi miei
Lettori: ormai il danno è fatto, il tarlo del dubbio e della paura sono infiltrati. Bene, almeno sappiamo con chi prendercela.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giancarlo Guarino, ordinario, fuori ruolo, di diritto internazionale nell’Università degli Studi di Napoli Federico II, è autore di numerose pubblicazioni su diverse tematiche chiave del diritto internazionale contemporaneo (autodeterminazione, terrorismo, diritti umani, ecc.) indagate partendo dal presupposto che l’Ordinamento internazionale sia un sistema normativo complesso e non una mera sovrastruttura di regimi giuridici gli uni scollegati dagli altri.

End Comment -->