domenica, Aprile 18

Vaccino cinese incontra il consenso dell'OMS field_506ffb1d3dbe2

0

vaccino cinese

I bambini in Asia meridionale traggono vantaggio dai prodotti cinesi a prezzi accessibili. Il vaccino, prodotto dall’Istituto di Chengdu di Prodotti Biologici, ha ricevuto la prequalificazione dall’OMS, il che significa che rispetta gli standard internazionali di qualità, sicurezza ed efficacia.  «Questo è uno sviluppo positivo, sia nella lotta per proteggere i bambini nei paesi in via di sviluppo dal virus e la futura disponibilità di vaccini più in generale, la Cina sta producendo vaccini seguendo gli standard OMS» ha detto il direttore generale dell’Oms Margaret Chan, «C’è un enorme potenziale per la produzione di vaccini in Cina e speriamo di vedere più vaccini cinesi ottenere la prequalificazione. L’intero mondo ne trarrà beneficio» ha aggiunto.

La GAVI Alliance, una partnership mondiale per la salute pubblica-privata, impegnata a salvare i bambini e ad aumentare l’accesso all’immunizzazione nei Paesi poveri, ha detto che si sta preparando a rendere disponibili i finanziamenti per il vaccino. «E’ eccitante» ha detto il CEO Seth Berkley «L’industria dei vaccini cinese ha un enorme potenziale a favore dei bambini nei paesi più poveri, offrendo servizi sicuri a prezzi accessibili». La GAVI Alliance riunisce governi, l’OMS, l’UNICEF, la Banca Mondiale e le industrie di vaccini nei Paesi industrializzati e in via di sviluppo, nelle agenzie di ricerca e società civili, nonché la Bill and Melinda Gates Foundation e altri filantropi privati​​. 

Ci sono Paesi, i cui figli sono a rischio di Encefalite Giapponese, che possono chiedere un sostegno, e la Cambogia e il Laos dovrebbero essere tra i primi a presentare le domande. «L’Encefalite Giapponese è una malattia viziosa che colpisce in modo rapido e di solito ha un impatto devastante sui bambini e le loro famiglie», ha detto Berkley «Grazie al supporto GAVI per questo nuovo vaccino, i Paesi più poveri dell’Asia saranno in grado di proteggere i loro bambini da disabilità e morte causate da questa malattia». La decisione finale di aprire un finanziamento sarà presa in una riunione del consiglio in Cambogia nel mese di novembre prossimo.

Bernhard Schwartlander, rappresentante dell’OMS in Cina, ha affermato che più di 4 miliardi di persone vivono in aree endemiche a rischio di EG, soprattutto nel sud-est asiatico e del Pacifico Occidentale. «Questo è un grande passo in avanti, in un contesto nazionale e internazionale», ha detto. La prequalificazione assicura che i vaccini vengano fabbricati in Cina seguendo gli standard normativi equivalenti. Secondo Schwartlander, il produttore di Chengdu, che è affiliato con la China National Biotec Group, ha lavorato per migliorare i processi di produzione del suo vaccino EG per soddisfare gli standard internazionali. PATH, un’organizzazione no-profit internazionale che mira a trasformare la salute globale attraverso l’innovazione, ha sostenuto il costruttore con il finanziamento dalla Bill e Melinda Gates Foundation per diversi anni.

La Bill & Melinda Gates Foundation in Cina, ha investito 39 milioni di dollari dal 2004. Ray Yip, il presidente della Fondazione, ha sottolineato che tuttavia significato politico è ancora maggiore rispetto alla rilevanza economica, dato che gli acquisti GAVI evidenziano l’accessibilità e l’assistenza per i poveri.  Il Vaccino EG della Cina, se esportato sotto acquisto della GAVI, aumenterebbe in gran parte la fornitura dei vaccini delle Nazioni Unite e ​​migliorerebbe l’accesso ai poveri. Zhang Jiankang, principale rappresentante della PATH, ha detto che il programma ha richiesto l’investimento di più di 800 milioni di yuan ($ 131.000.000) per la costruzione di strutture e personale del treno, con l’obiettivo di raggiungere lo stato. Vaccini EG cinesi sono stati già esportati verso i paesi vicini come l’India e il Vietnam, su registrazione individuale. Il volume annuale solo in India si attesta a 30 milioni di dosi.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->