sabato, Settembre 18

Vacanze in Sardegna: da Olbia alla Costa Smeralda, tutto quello che c’è da vedere Ecco le bellezze d'interesse storico-archeologico e le spiagge incantevoli che non si può mancare di visitare

0

Per organizzare le vacanze, sempre più italiani si affidano a soluzioni che possano unire la possibilità di raggiungere mete gradevoli alla sicurezza di viaggiare senza pensieri in questa epoca di pandemia globale. Tra le destinazioni che si prediligono non mancano le bellezze nostrane, da nord a sud, e la Sardegna rimane una delle punte di diamante per il turismo non solo nazionale, ma anche internazionale. Una delle opzioni più apprezzate dagli utenti per sostarsi in tranquillità è il noleggio di un aereo privato. Infatti sono in molti che scelgono di andare in jet privato a Olbia e in Costa Smeralda potendo contare su un servizio attento e professionale, che offre ai viaggiatori la possibilità di raggiungere la località desiderata in totale sicurezza.

I vantaggi del jet privato

Con un jet privato, quindi, si ha la certezza di viaggiare soltanto con i compagni di vacanza prescelti in un ambiente controllato e rigorosamente igienizzato nel rispetto delle procedure imposte dall’emergenza sanitaria in atto. Non solo, ma la comodità è innegabile e comincia dal momento in cui occorre presentarsi in aeroporto: non più lunghe file al check-in, ove bisogna arrivare almeno due ore prima.

Basterà anticiparsi di qualche minuto per salire a bordo e anche i bagagli non saranno sottoposti a controlli troppo rigidi. Basti pensare che è sufficiente accordarsi in maniera preventiva con la compagnia aerea prescelta per decidere cosa imbarcare in stiva e cosa portare in cabina, senza grosse limitazioni di lunghezza o di peso. Non solo, ma si potrà personalizzare l’esperienza a bordo richiedendo interni specifici, collegamento wi-fi e persino il menù per il pranzo o per la cena.

Cosa vedere a Olbia

Le spiagge sono di certo l’attrazione maggiore per un turista che sbarchi a Olbia, ma in questa città vi sono anche bellezze d’interesse storico e archeologico: basta passeggiare per la principale Corso Umberto per notare l’elegante palazzo del Municipio, accanto al quale sorgono alcune vestigia di un antichissimo foro romano. Tra negozi tipici e botteghe, poi, si incontrano costruzioni risalenti al XIX secolo, ma anche più antichi, come la Chiesa di san Paolo, con il suo stile sobrio tipico del ‘600.

Per gli amanti del genere, poi, è quasi d’obbligo una visita alla Necropoli di San Simplicio, che si snoda al di sotto della Basilica omonima: qui, i resti di origine romana risalgono addirittura al 200 a.C., mentre nel Museo Archeologico si possono ammirare relitti di navi, tema più in linea con l’area portuale. I periodi storici vanno dalle guerre puniche all’era fenicia.

Cosa vedere in Costa Smeralda

Ma la Costa Smeralda è anche e soprattutto mare e spiagge incantevoli. Porto Cervo è quasi un must da visitare, non solo perché estremamente suggestivo, ma anche solo per poter fare qualche incontro celebre tra yatch e ville, prima di arrivare alla spiaggia che sorge sul golfo. In realtà, tutto questo angolo di costa è bello da vivere e ogni tratto di spiaggia è una perla da scoprire: come quella del Principe, così denominata perché particolarmente amata da un principe arabo che ha apprezzato molto il fatto che fosse un po’ defilata e più silenziosa delle altre; oppure la Rena Bianca di Portisco e Piccolo Pevero, entrambe caratterizzate da sabbia bianchissima e fine su un mare cristallino; o, ancora, quella di Romazzino che è immersa nel verde brillante della vegetazione in un contrasto tra acqua e natura che è uno spettacolo per gli occhi.

Ma una delle spiagge più grandi dell’intera Costa Smeralda rimane Liscia Ruja che si snoda per circa mezzo chilometro ed è un altro esempio di meraviglia della natura, grazie anche alla sfumatura particolare della sabbia che la costituisce, tra l’oro e il rosato.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->