giovedì, Dicembre 9

USA2020: l’onda LGBTQ Nonostante quattro anni di amministrazione Trump, in queste elezioni sono aumentati i candidati LGBTQ apertamente in corsa per una carica e sono aumentati quelli vincenti

0

Più candidati LGBTQ si sono candidati per una carica negli Stati Uniti nel 2020 che mai – almeno 1.006. Si tratta di un aumento del 41% rispetto ai midterms del 2018, secondo il LGBTQ Victory Fund. Secondo , mentre circa il 5% della popolazione statunitense si identifica come lesbica, gay, bisessuale, transgender o queer, solo lo 0,17% dei funzionari eletti a tutti i livelli del governo americano è LGBTQ.

Dal 2016, l’amministrazione Trump ha indebolito le protezioni trans-inclusive nelle scuole, ha tentato di rimuovere le protezioni LGBTQ nell’assistenza sanitaria e ha proposto di consentire ai rifugi per senzatetto di allontanare le persone transgender. Anche l’uguaglianza matrimoniale può essere minacciata. All’inizio di ottobre, i giudici della Corte Suprema Clarence Thomas e Samuel Alito hanno suggerito che la decisione del 2015 nel caso Obergefell v.Hodges, che ha reso legale il matrimonio tra persone dello stesso sesso negli Stati Uniti, dovrebbe essere annullata. In breve, candidati e diritti LGBTQ erano entrambi al ballottaggio nelle elezioni del 2020, esplicitamente o implicitamente.

Bussey analizza poi il risultato di quattro elezioni. La democratica Sarah McBride ha fatto la storia martedì quando ha vinto un seggio al Senato dello stato in Delaware. In tal modo, diventerà il funzionario eletto transgender di più alto rango degli Stati Uniti e la prima persona apertamente transgender a servire in un Senato statale in qualsiasi parte della nazione. McBride ha sconfitto il repubblicano Steve Washington.

In precedenza, Danica Roem, una democratica della Virginia che ha vinto un seggio alla Virginia House of Delegates nel 2017, era la persona transgender di più alto rango in carica elettiva. Roem è stato rieletto nel 2019. Altre donne transgender, tra cui Taylor Smalls del Vermont e Stephanie Byers del Kansas, hanno vinto anche gare a livello statale martedì con vittorie notevoli.

All’inizio di questo ciclo elettorale, solo tre stati degli Stati Uniti – Hawaii, South Dakota e Mississippi – non avevano funzionari eletti apertamente LGBTQ a nessun livello di governo. Quest’anno, i candidati delle Hawaii e del South Dakota speravano di togliere i loro stati da quella lista. Il democratico Jared Nieuwenhuis del Sud Dakota non è stato in grado di vincere un seggio per il distretto 25 della Camera statale per diventare il primo funzionario eletto apertamente LGBTQ nella legislatura dello stato. Tuttavia, alle Hawaii, Adrian Tam – che ha sconvolto un presidente in carica da 14 anni nelle primarie democratiche di agosto per la Camera dei rappresentanti dello stato – ha sconfitto il repubblicano Nicholas Ochs, rendendolo l’unico funzionario eletto apertamente LGBTQ delle Hawaii.

Come afferma il Direttore Bussey, una corsa al Senato della Georgia è rimasta indecisa la notte delle elezioni. L’altra – una gara insolita chiamata ‘primarie nella giungla’ tra la senatrice repubblicana Kelly Loeffler e altri 20 candidati di vari partiti – ha attirato l’attenzione nazionale dei sostenitori LGBTQ. Una nuova arrivata politica, Loeffler è stata nominata al suo posto dal governatore Brian Kemp alla fine del 2019 in seguito al ritiro del senatore repubblicano di lunga data Johnny Isakson. Né Loeffler né il suo principale avversario nelle primarie della giungla, il contendente democratico, il Rev. Raphael Warnock, hanno ricevuto oltre il 50% dei voti, quindi nelle prossime settimane si terrà un ballottaggio. Questo ballottaggio sarà significativo per la comunità LGBTQ a causa della recente sponsorizzazione di Loeffler di un disegno di legge del Senato per vietare alle ragazze transgender di praticare sport scolastici. La legislazione proposta da Loeffler è simile alla nuova ‘Fairness in Women’s Sports Act’ dell’Idaho, una legge che potrebbe richiedere alle ragazze che eccellono nell’atletica leggera di ‘dimostrare il proprio sesso’ attraverso un esame genitale, un test del DNA o un test del testosterone. I gruppi per i diritti LGBTQ temono che il disegno di legge di Loeffler consentirebbe alle scuole di tutto il paese di condurre esami genitali di studenti atleti che si presume siano transgender. Warnock, un pastore presso la storica chiesa battista di Ebenezer della Georgia, ha preso un forte impegno pubblico per i diritti LGBTQ e ha condannato la legislazione di Loeffler, affermando in un’intervista con l’outlet LGBTQ Project Q che “nessuno è libero finché non siamo tutti liberi”. Nella stessa intervista, Warnock ha espresso il suo sostegno all’Equality Act, una legislazione proposta che aggiungerebbe le protezioni contro la non discriminazione LGBTQ nella legge federale.

Gli americani membri della comunità LGBTQ – afferma Bussey – votano fortemente democratici. Nel 2008, John McCain ha vinto il 27% dei voti LGBTQ mentre si candidava alla presidenza contro Barack Obama. Nel 2012, Mitt Romney ha vinto il 22% dei voti LGBTQ. E nel 2016, i dati sugli exit poll a livello nazionale degli elettori LGBTQ mostrano che Donald Trump ha ricevuto circa il 14% dei voti LGBTQ.

Harvey Milk, defunto consigliere comunale di San Francisco, è spesso citato erroneamente come il primo funzionario eletto apertamente LGBTQ. Quella pioniera era in realtà Kathy Kozachenko, che all’età di 21 anni vinse un seggio all’Ann Arbor City Council nel Michigan nel 1974. Quasi 50 anni dopo, i candidati LGBTQ hanno fatto passi da gigante nella rappresentanza politica. Nel 2017, c’erano meno di 450 funzionari eletti apertamente LGBTQ in tutti gli Stati Uniti.Oltre 150 candidati LGBTQ hanno vinto le elezioni federali, statali e a livello locale nelle elezioni di medio termine del 2018.Un’altra “ondata arcobaleno” è arrivata nel 2019, portando il numero totale di funzionari eletti apertamente LGBTQ americani a poco meno di 700.

Anche l’accettazione sociale delle persone LGBTQ – afferma il Direttore Bussey- sta crescendo, con oltre il 70% degli americani che afferma che le persone transgender dovrebbero essere protette dalla discriminazione, secondo un sondaggio del Williams Institute presso la UCLA School of Law, e una percentuale simile sostiene l’uguaglianza del matrimonio. Ciò si è tradotto in candidati LGBTQ sempre più apertamente in corsa per una carica e vincenti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->