martedì, Maggio 17

USA VS Cina – Russia: al di là del mainstream Il rapporto Russia-Cina, il loro scontro con gli Stati Uniti, la crisi in Ucraina, la questione Taiwan, l'idea di democrazia, e nel mezzo l'Europa. Cercando di andare oltre la narrativa occidentale

0

Chris Devonshire-Ellis è una delle principali autorità negli affari sino-russi. Ha vissuto e lavorato nella Cina continentale per oltre 30 anni fornendo consulenza agli investitori stranieri nel Paese, oltre a vivere e mantenere case e investimenti aziendali in Russia, consigliando le aziende russe interessate ad investire in Asia. È visiting professor presso la St. Petersburg School of Higher Economics, tiene una conferenza sulla Belt and Road Initiative sino-russa e presenta e scrive per gli influenti siti web ‘Silk Road Briefing‘ e ‘Russia Briefing‘.

A Chris ho chiesto di farci un quadro di come vede la situazione del rapporto Cina-Russia dopo l’incontro di venerdì tra il Presidente della Russia, Vladimir Putin, e il Presidente della Cina, Xi Jinping, in considerazione del fatto che la Dichiarazione congiunta firmata dai due al termine del vertice, tenendo conto che la firma avviene nel mezzo di una serie di crisi concatenate confluenti nello scontro che vede gli Stati Uniti opposti a Cina e Russia, ha tutte le potenzialità per poter presto essere considerato storico.

Margherita Peracchino

***

L’ASSE CINA-RUSSIA: COS’È E PERCHÉ
La partecipazione di Vladimir Putin alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali di Pechino e il successivo incontro con il Presidente cinese Xi Jinping hanno guadagnato molta attenzione in questi ultimi giorni. Questo è, in una certa misura, insolito -i due si sono incontrati più volte in conferenze virtuali negli ultimi due anni senza che venisse prestata loro molta attenzione- ma in questa occasione, a livello globale e in considerazione delle tensioni sia in Ucraina che a Taiwan, i riflettori dei media si sono accesi.
Gran parte dei media sono stati critici. Almeno un quotidiano europeo ha definito il rapporto Cina-Russia ‘un asse del male’, mentre Taiwan lo ha definito ‘spregevole’. I media statunitensi hanno generalmente condannato l’amicizia come «tentativo di rovesciare l’Occidente». Anche il contesto dell’incontro, le Olimpiadi invernali, ha suscitato indignazione, con alcuni che hanno definito l’eventoThe Genocide Games‘, in riferimento al trattamento riservato dalla Cina agli uiguri. L’Europanel frattempo rimane generalmente timorosa della prospettiva di un’invasione russadell’Europa‘. L’isteria sta funzionando a tutto gas. Ma cosa dobbiamo pensare di queste visioni drammatiche?
Nel complesso, si condanna l’amicizia tra Cina e Russia. Ma da dove scaturiscono effettivamente la paura e la retorica? In questo caso, è necessario dividere la condanna nelle sue parti componenti e trattarle separatamente. Identificare la causa principale di ciascuno può far luce nel complesso.

PERCHÉ I RIFERIMENTI A UNA ‘OLIMPIADE DEL GENOCIDIO’?
Ci sono tre parti componenti di questa domanda. In primo luogo, il termine ‘genocidio’. Di solito è stato usato per descrivere le atrocità umane, come l’omicidio, lo stupro e l’eradicazione di una specifica razza o cultura umana. Tuttavia, il termine è stato modificato di recente, nel 2018, per includere un’interpretazione piuttosto ampia, e quindi più ampia, della definizione della parola, includendo due termini specifici. Si tratta di ‘genocidio mentale‘ che allude all’«intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso» e ‘genocidio fisico‘, che riguarda «l’ uccisione di membri del gruppo, provocando gravi danni fisici o danno mentale ai membri del gruppo, infliggendo deliberatamente al gruppo condizioni di vita atte a provocarne la distruzione fisica in tutto o in parte; imponendo misure volte a prevenire le nascite all’interno del gruppo; trasferire forzatamente i figli del gruppo in un altro gruppo». Il termine è stato ampliato per riflettere le atrocità avvenute durante i conflitti in Rwanda e Bosnia.
Oggi il termine è stato rivolto alla Cina a causa della situazione che deve affrontare nella sua provincia dello Xinjiang occidentale, e in particolare della popolazione uigura. Pechino è accusata di aver incarcerato fino a 1 milione di uiguri, un gruppo etnico turco di musulmani che appartiene alla setta islamica sunnita, significativo in quanto questa è la stessa dottrina sposata dai talebani. La provincia dello Xinjiang condivide un confine con l’Afghanistan e il Pakistan settentrionale, entrambe aree fortemente tribali, che in passato sono state soggette a un’estrema radicalizzazione.
Mentre la maggior parte dei 15 milioni di uiguri dello Xinjiang sono pacifici, ci sono stati tentativi di radicalizzare la popolazione in generale, proprio come è successo in Europa. Questo ha portato, nel corso degli anni, a rivendicazioni di una patria uigura indipendente.
In passato nella regione esistevano due Khanati uiguri violenti, di breve durata e relativamente piccoli, entrambi gestiti da signori della guerra locali. La Prima Repubblica del Turkestan orientale aveva sede nella regione di Kashgar, ed è esistita per soli sei mesi tra il 1933 e il 1934. La Seconda Repubblica del Turkestan orientale aveva sede nella regione settentrionale dell’Altai dello Xinjiang a oltre 1.300 km di distanza da Kashgar ed è esistita durante gli sconvolgimenti della guerra mondiale Due tra il 1944 e il 1949. Nessuno dei due copriva vaste aree e parti certamente non significative della provincia dello Xinjiang.
Tuttavia, queste rivendicazioni a una Repubblica uigura, insieme all’aumento del terrorismo islamico, hanno portato a una serie di incidenti terroristici legati agli uiguri in Cina, inclusi attentati in diverse città, attacchi alle stazioni di polizia e un incidente di dirottamento di aerei. Secondo il tracker del terrorismo Fondapol, gli attacchi dei talebani in Cina e in Asia sono passati da quasi zero nel 2000 a 1.301 nel 2017, provocando 6.510 vittime. Una repressione cinese ha significato che non si sono verificati incidenti simili, almeno in Cina, dal 2017.
Nel frattempo, in confronto, l’invasione statunitense del vicino Afghanistan, iniziata nel 2001 e terminata appena sei mesi fa, ha provocato un’impennata del terrorismo regionale e ha provocato, secondo l’US Watson Institute, la morte di circa 241.000 persone in Afghanistan e Pakistan. Più di 71.000 di questi erano civili. Di fronte a statistiche del genere, diventa più difficiledisimpegnarel’impatto della presenza statunitense in Afghanistan con l’approccio cinese. Ciò è particolarmente ironico dato che gli Stati Uniti e l’Occidente hanno in gran parte smesso di fornire aiuti al popolo afghano e sostanzialmente li hanno abbandonati. Sia Xi che Putin hanno chiesto aiuti internazionali al Paese.
Le denunce di genocidio possono quindi essere forse viste in modo più corretto nei termini di ciò che ha innescato l’impennata della violenza islamica regionale per cominciare -e dovrebbero essere prese nel contesto delle preoccupazioni per la sicurezza cinese, in opposizione alla distruzione di una cultura. La domanda da porsi è se le affermazioni di un genocidio cinese siano in realtà tentativi di distogliere l’attenzione sulla campagna statunitense sullaGuerra al Terrore o alcuni sforzi siano più degni di altri. Se il termine ‘genocidio’ venisse ampliato ancora una volta per includere ‘abbandono della protezione’ e ‘ritiro deliberato degli aiuti umanitari’, forse l’Occidente potrebbe guardare alle proprie carenze in Afghanistan piuttosto che tentare di distogliere l’attenzione da loro puntando il dito contro il problema di sicurezza islamica.

LA QUESTIONE DI TAIWAN
Pechino è stata molto critica nei confronti dei recenti commenti del governo di Taipei sul fatto che si considera un governo democratico e indipendente. Tuttavia, Taiwan ha lottato per fare progressi diplomatici dal 1971, quando gli Stati Uniti hanno interrotto le relazioni e riconosciuto la Cina, e non fa parte delle Nazioni Unite, dell’OMS e della maggior parte delle altre istituzioni globali. Invece, sopravvive in una zona grigia diplomatica, conuffici di rappresentanzanon ufficiali presumibilmente impegnati nel commercio che sono il principale forum politico per l’impegno globale. Circa 50 Paesi, del numero totale delle Nazioni Unite di 193, li mantengono. Queste relazioni aumentano e diminuiscono, ma rimangono più o meno le stesse in termini di numeri. La Lituania è stato l’ultimo Paese a istituire un Ufficio di Rappresentanza a Taiwan, mentre il Nicaragua ha appena chiuso la sua missione a Taiwan e ha invece deciso di riconoscere la Cina.

Taiwan ha le relazioni diplomatiche più lontane e remote del mondo, con la distanza media tra Taiwan e un paese con cui ha relazioni formali di 14.772 km -solo andata.
Quando la Cina continentale iniziò ad aprire la sua economia, all’inizio degli anni ’90, l’economia taiwanese e il tenore di vita generale a Taiwan erano superiori alla Cina. Tuttavia, come la Cina non era particolarmente democratica, il Kuomintang al potere possedeva una stretta mortale sul dominio taiwanese. Taiwan, negli ultimi anni, barcolla dall’attuale Partito Democratico Progressista al Kuomintang. I primi stanno spingendo un’identità nazionale taiwanese separata dalla Cina, anche se il 95% della popolazione di Taiwan è Han. Il DPP considera la loro differenza democratica rispetto allo Stato a partito unico cinese, anche se va sottolineato che all’interno di ciò si applicano le procedure democratiche interne. Il Kuomintang, d’altra parte, vede i taiwanesi come cinesi e, sebbene presentino differenze politiche con Pechino, sono più allineati in termini di stabilità politica.
Tuttavia, l’attuale battaglia in corso tra queste due parti per il governo di Taiwan non è stata particolarmente ‘gentile’ con il suo sviluppo economico. Nel decennio 2010-2020, il PIL di Taiwan è cresciuto del 39,22%. Hong Kong, un mercato relativamente comparabile, ma un territorio cinese semi-democratico, ha visto il suo tasso di crescita aumentare nello stesso periodo del 51,75%. (dati di Statistica).
Infatti, mentre la popolazione di Taiwan con 23,41 milioni è tre volte più grande dei 7,5 milioni di Hong Kong, il suo PIL è circa il doppio di quello di Hong Kong, mentre il PIL pro capite effettivo di Hong Kong è di 17.000 dollari USA superiore a quello di Taiwan all’anno con 49.036 dollari USA contro 32.123 dollari USA . In parole povere, Hong Kong è più produttiva di Taiwan.
Il cambiamento è avvenuto nell’arena politica e si muove per allineare Taiwan a una versione di democrazia e dipendenza daivaloristatunitensi in contrasto con il modello cinese.
Dal punto di vista della base politica alquanto frammentata di Taiwan e dei dati economici ‘difficili’, si direbbe che i progressi di Taiwan con questo sistema siano piuttosto in ritardo.
Ci sono ulteriori problemi con ciò che il presidente taiwanese intende quando promuove un’identità taiwanese separata. Con l’acquisizione dell’isola nel 1945, i repubblicani in fuga che si sono riversati nell’isola hanno visto l’effettiva popolazione indigena di Taiwan ora ridotta a solo il 2% della popolazione totale. La stragrande maggioranza dei taiwanesi sono Han e condividono la stessa cultura della Cina continentale.
Rivendicare un’identità nazionale è inoltre problematico se si considerano i contenuti dei tre diversi musei nazionali di Taipei. La maggior parte dei contenuti non sono di origine taiwanese, ma furono saccheggiati dalle città della Cina continentale dal Kuomintang, durante la guerra civile, e rispediti a Taiwan. La ‘cultura nazionale’ esposta in questi musei è di origine cinese continentale, non taiwanese: rappresenta il più grande furto al mondo di oggetti culturali e il successivo rebranding della storia culturale da un popolo all’altro, in assoluto.
Lo scopo del motivo per cui Taiwan esiste e il senso di esso deve quindi essere oggetto di discussione. Con ‘valori democratici’ sufficienti per ottenere un seggio al vertice degli Stati Uniti per la democrazia, quando una quota di voto di poco più di un terzo ha chiesto di essere governata dall’attuale governo, rende molto debole la pretesa di indipendenza di Taiwan e di essere rappresentativo del popolo. Nessun tentativo di indire un referendum sull’argomento. Il presupposto è che la fine della guerra civile cinese 76 anni fa sia la dichiarazione determinante dell’intento taiwanese. Ma lo è?
Il ritardo della crescita taiwanese nell’ultimo decennio suggerisce che il taglio e il cambiamento di opinioni politiche divergenti -un ‘diritto’ democratico- non è stato effettivamente brillante per l’economia taiwanese, sebbene rimanga un bastone che a Washington piace usare per sminuire Pechino.
Le domande che devono essere poste sono: menoDemocraziacome unica via da percorrere? ma quali tipi di democrazia ci sono e cosa funziona meglio in condizioni diverse? Gli Stati Uniti non sono una democrazia completa, sono fortemente influenzati da interessi economici non eletti. Il Regno Unito non è una democrazia completa, ha una Camera dei Lord non eletta e un monarca ereditario che sovrintende al voto popolare. L’Unione Europea ha imposto la sua volontà alle Nazioni sovrane. La Cina può avere un sistema a partito unico, ma all’interno di tale struttura, le decisioni vengono prese da un processo democratico che coinvolge circa 5.000 accademici, politici, analisti e uomini d’affari.
Al ‘Summit for Democracy’ degli Stati Uniti lo scorso novembre, il Ministro taiwanese Audrey Tang ha mostrato una mappa che indicava i diritti civili. Taiwan era ‘verde’ e l’unica ‘democrazia aperta in Asia’. Tutte le altre Nazioni asiatiche sono state mostrate come ‘chiuse’, ‘represse’, ‘ostruite’ o ‘ristrette’. Cina, Laos, Vietnam e Corea del Nord sono stati tutti colorati di rosso ed etichettati nella stessa categoria di ‘chiusi’. Non è chiaro cosa abbiano da dire Paesi come Giappone, Corea del Sud, Singapore, e Cina, Laos e Vietnam affrontano davvero le stesse repressioni della Corea del Nord?
Il dipartimento di Stato americano ha commentato: «Abbiamo apprezzato la partecipazione del ministro Tang, che ha messo in mostra l’esperienza di livello mondiale di Taiwan su questioni di governance trasparente, diritti umani e contrasto alla disinformazione».
Bonnie Glaser del German Marshall Fund degli Stati Uniti ha detto, riguardo all’inclusione di Taiwan all’evento, che «Mi sembra che sia stata presa una decisione all’inizio che Taiwan dovrebbe essere inclusa nel Summit for Democracy, ma solo in modi coerenti con la politica degli Stati Uniti».
Allora, qual è il punto di Taiwan? È una domanda che richiede una riflessione e un’analisi prima che l’isola possa davvero prendere il passo e smettere di dover affrontare l’assurdità dei suoi alleati diplomatici che sono distanti 14.000 km. La democrazia, la cultura, l’economia, la storia, le libertà e la nazionalità di Taiwan sono davvero diverse o superiori a quella cinese? O è in realtà un cliente degli Stati Uniti, dal quale, secondo ‘Bloomberg‘,ha acquistato nel 2021 sistemi d’arma per un valore di 750 milioni di dollari?
È una prospettiva interessante, anche perché la scorsa settimana un certo numero di senatori statunitensi ha votato per cambiare il nome dell’ufficio commerciale degli Stati Uniti con Taipei, in ufficio commerciale degli Stati Uniti con Taiwan, nella piena consapevolezza che ciò irriterà ulteriormente Pechino, aumenterà tensioni. È una coincidenza che, così facendo, aprirà la strada di ulteriori vendite di armi all’isola?

LA QUESTIONE UCRAINA
Dall’altra parte dell’Eurasia, la Russia ha parlato dell’Ucraina e ha posizionato truppe a nord, est e sud del Paese. Ciò è stato accolto con allarme in Europa e negli Stati Uniti, che hanno corteggiato il Paese occidentale dal crollo dell’URSS nel 1991. Oggi, ciò si è manifestato con diversi Paesi sovietici precedenti che hanno aderito sia all’UE che alla NATO, con Estonia, Lituania, Polonia, Bulgaria e Romania fanno tutte parte dell’asse della NATO.L’Ucraina rappresenta però un passo troppo avanti, almeno per Mosca, poiché il punto più vicino dal confine Ucraina-Russia a Mosca è a soli 450 km. Mosca sa che gli Stati Uniti stanno per schierare missili ipersonici in grado di volare alla velocità di Mach5 e oltre. Di conseguenza, vuole che l’espansione della NATO verso est venga fermata e respinta.
Gli Stati Uniti, nel frattempo, hanno demonizzato la Russia all’UE per questioni di sicurezza energetica, affermando che è troppo dipendente dal gas russo e che questo rappresenta un rischio. Mosca potrebbe, secondo la prospettiva, semplicemente interrompere l’erogazione del gas, anche se ciò non è mai avvenuto. Naturalmente, c’è una soluzione alternativa pronta per l’UE: acquistare invece gas ed energia dagli Stati Uniti e dai suoi alleati. Tuttavia, è anche vero che questo sarebbe sia più costoso che meno ecologico -il gas degli Stati Uniti dovrebbe essere spedito in Europa e nuovi gasdotti dovrebbero essere costruiti (con l’assistenza di appaltatori statunitensi) per rifornire l’UE dagli alleati amici degli Stati Uniti nel Medio Oriente.
Per mettere questo in un’ulteriore prospettiva, gli Stati Uniti hanno dichiarato che porrebbero la ‘madre di tutte le sanzioni’ alla Russia -inclusa la cessazione delle forniture di gas e la disconnessione dalla rete di pagamenti globali SWIFT- se la Russia invadesse l’Ucraina. A giudicare dalla retorica di Washington, sembra da un lato che sia quasi in attesa che la Russia faccia quel passo. Putin finora ha resistito. Sospetto che sarà il gioco a lungo termine, con le truppe russe che rimarranno vicine ai confini ucraini fino a quando l’UE non si sarà stancata del costo del mantenimento delle forze americane aggiuntive ora nell’Europa orientale e dell’incertezza delle forniture di gas.
Ma in ogni caso, non si può ignorare che il presidente Putin abbia ragione a preoccuparsi per i missili NATO così vicini a Mosca. Dopotutto, il Presidente Kennedy si oppose al dispiegamento di missili da parte dell’URSS a Cuba. Eppure la Russia è considerata l’aggressore. È? Oppure gli Stati Uniti vogliono il contratto dell’UE per forniture militari e di gas e stanno parlando dei pericoli della Russia?

LA QUESTIONE DEMOCRATICA
La questione principale utilizzato per
picchiareRussia e Cina è la natura dei loro sistemi politici, con la Russia una democrazia semi-autocratica e la Cina uno Stato a partito unico. Gli Stati Uniti sono stati molto desiderosi di mettere in gioco queste distinzioni negli ultimi anni, organizzando il ‘Summit for Democracy’ l’anno scorso e facendo spesso riferimento ai ‘valori democratici’. Eppure, così facendo, si creano divisioni, nella misura in cui Mosca si è recentemente lamentata del grado di influenzare gli affari globali. I presidenti Putin e Xi hanno parlato della diminuzione dello Stato di diritto globale esistente, mentre gli Stati Uniti desiderano ‘sostenere lo Stato di diritto’. Eppure ci sono sottili distinzioni tra i due che non dovrebbero passare inosservate.
La Cina e la Russia credono molto nelle istituzioni globali che furono istituite alla fine della seconda guerra mondiale, un evento che causò molta distruzione in entrambi (ma lasciò gli Stati Uniti, ad eccezione di Pearl Harbor, in gran parte intatti). Pechino e Mosca sono membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e, in comune con gli altri tre membri, Francia, Regno Unito e Stati Uniti, possono porre il veto alle decisioni se ritengono che non siano nell’interesse globale. Questa stessa è una forma di democrazia limitata e impedisce i tentativi di sovvertire il processo e sostituirlo con una forma dettata di fascismo. Se non è possibile raggiungere il consenso, sono necessari più dibattiti e discussioni.
Eppure è diventato evidente il pensiero degli Stati Uniti degli ultimi giorni: ora vedono questi meccanismi come potenzialmente inutili per i propri interessi. Questi coinvolgono anche istituzioni globali come la Banca mondiale, l’OMC e l’OMS, nei confronti di quest’ultima gli Stati Uniti erano seriamente indietro nel effettuare i pagamenti per i quali si erano impegnati allo scoppio della pandemia di Covid-19.
Invece, quello che è successo è che, invece di passare attraverso processi di controversia in queste istituzioni, Washington le ha viste sempre più come ostruzioniste e come un ostacolo alla politica statunitense.
Invece di ascoltare le controversie commerciali all’Organizzazione mondiale del commercio, Washington trova più facile ed efficace ottenere ciò che vuole imponendo sanzioni unilateralmente e motivando i suoi alleati a seguirlo. Le esigenze di finanziamento globale tramite la Banca mondiale hanno avuto la tendenza a concentrarsi sugli interessi della politica estera degli Stati Uniti, con i Paesi non conformi omessi dai prestiti e dagli aiuti beneficiari. Gli Stati Uniti hanno rassegnato le dimissioni dall’Organizzazione Mondiale della Sanità -nel mezzo di una pandemia globale! (e poi successivamente sono rientrati).
Sia la Cina che la Russia sono unite nel preservare queste istituzioni globali e riconoscono che, sebbene imperfette, hanno ampiamente mantenuto l’ordine mondiale in vigore dal 1949. Sono gli Stati Uniti, non i signori Putin o Xi, che desiderano sostituirlo con un sistema unilaterale basato esclusivamente sulla politica estera statunitense. Ciò significa che Washington sta usando la premessa della democrazia come mezzo per promuovere quella che in realtà è una forma di dittatura a sé stante:potete tutti definirvi democratici, ‘as long as we call the shots’.
I presidenti Putin e Xi, riconoscendo questo, vengono demonizzati, con punti di stress abbastanza deliberati messi in posizione per vendere la loro ‘aggressività’ al resto del mondo.
Taiwan. Ucraina. Genocidio uiguro. Dittatori. Seguiranno senza dubbio altri tentativi di puntare il dito e di considerarli ‘cattivi’. Ma è una grande idea consentire agli Stati Uniti mano libera nella gestione del nuovo mondo coraggioso? E se sì,esattamente quale forma di democrazia sarebbe consentita da Washington?
Questa è la domanda che si pongono entrambe, Cina e Russia -ed è un punto valido da vedere.

IL RAPPORTO CINA-RUSSIA
Cina e Russia sono unite da un confine di 4.133 km
, principalmente tra la Cina nord-orientale e l’Estremo Oriente russo. È circa il doppio della lunghezza del confine russo con l’Unione Europea. L’Estremo Oriente russo ora riceve circa il 32% di tutti gli IDE in Russia e, con i porti urbani in rapido sviluppo come Vladivostok, è sia il punto di partenza che il punto di arrivo della ferrovia Transiberiana e del Passaggio del Mare del Nord. Anche se ci vorrà un altro decennio o anche più prima che quest’ultima diventi pienamente operativa, lo sviluppo di questa rotta marittima è già in corso, con massicci sviluppi infrastrutturali, alcuni con investimenti cinesi congiunti in corso lungo tutta la costa settentrionale della Russia. Parti di questo, in particolare la penisola di Yamal, hanno intensi interessi cinesi come fonte dei vari gasdotti siberiani che vengono alimentati in Cina. Altri si stanno sviluppando come porti commerciali lungo tutto il percorso verso ovest fino al nord Europa, con collegamenti ferroviari e aeroporti anche parte del mix.
Si prevede che il commercio bilaterale raggiungerà i 250 miliardi di dollari entro il 2025. Per contestualizzare, si tratta di circa il 45% del commercio bilaterale della Cina con gli Stati Uniti, ma per una popolazione di circa il 45% di quella degli Stati Uniti. O per dirla in altro modo, in base ai dati demografici della popolazione, il commercio pro capite Russia-Cina raggiungerà presto gli stessi volumi del commercio cinese con i cittadini degli Stati Uniti.
Un altro elemento non ancora evidente nei volumi degli scambi tra Cina e Russia è che la Cina ha firmato un accordo di libero scambio con l’Unione economica eurasiatica (EAEU) nel settembre 2018. Al momento questo non è preferenziale, il che significa che non sono state concordate riduzioni tariffarie. Ma quando lo saranno, il commercio bilaterale riceverà un altro impulso. Ciò potrebbe anche portare la Russia ad aderire all’accordo di libero scambio del partenariato economico globale regionale (RCEP) più avanti. Ciò si adatta all’attuale pensiero commerciale: l’EAEU sta anche discutendo il potenziale di libero scambio con l’ASEAN, che fa anche parte dell’accordo RCEP, mentre Giappone e Corea del Sud, ancora una volta membri dell’RCEP, sono mercati tradizionali dell’Estremo Oriente russo.
All’interno di questa sfera commerciale è probabile che ci siano collaborazioni con la Cina su questioni hi-tech come la risoluzione del problema dello sviluppo dei semiconduttori e lo sfruttamento delle riserve delle terre rarenecessarie e delle relative materie prime.
Militarmente, i due fanno già parte della Shanghai Cooperation Organization (SCO), che sta assumendo il ruolo di sicurezza regionale in Asia centrale, e in particolare in Afghanistan dopo la partenza degli Stati Uniti e della NATO. La stabilizzazione dell’Afghanistan e dell’Islam radicale continueranno a essere un punto focale per entrambi nel prossimo decennio. Non vorranno essere distratti da conflitti militari, né a ovest in Ucraina né a est a Taiwan, indipendentemente dalle percezioni occidentali che lo fanno.
Ci sono altre partnership regionali e globali che entrambi stanno esplorando. L’India rimane diffidente nei confronti della Cina, ma sta sviluppando legami più stretti con la Russia. Nel tempo, e forse influenzata dalle collaborazioni all’interno della SCO (l’India è un membro), la retorica tra Pechino e Delhi potrebbe ammorbidirsi. L’India ha una presenza importante in Africa, Delhi potrebbe anche essere in grado di trarre vantaggio dai crescenti legami commerciali di Mosca e Pechino in Medio Oriente e in Africa.
In questo modo, Pechino e Mosca cercheranno di bilanciare i tentativi di Washington di far passare una versione americana dell’egemonia globale descritta come ‘valori democratici’ e attualmente acquistata dall’Europa.
Questo asse cerca anche di ridurre al minimo gli sforzi degli Stati Uniti per spingere il mondo in una nuova Guerra Fredda e portare con sé l’UE da una parte, e la Cina e la Russia dall’altra. Se ciò dovesse accadere -e alcuni falchi statunitensi come i gruppi trumpiani sembrano intenzionati a raggiungere questo obiettivo- allora almeno Pechino e Mosca possono ridurre al minimo l’impatto sentito sulle proprie economie, sebbene entrambi considerino indubbiamente un tale risultato come un disastro.
In definitiva, la domanda che gli europei devono porsi è fino a che punto possono bilanciare l’asse orientale cinese-russo contro l’asseoccidentaledegli Stati Uniti, senza scivolare troppo in basso né da una parte né dall’altra.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->