martedì, Luglio 27

USA, transgender nel mirino

0

Non è un periodo sicuramente facile per i transgender negli USA. L’Alta Corte d’Appello Federale Usa con una sentenza di qualche settimana fa sembrava aver finalmente risolto la questione e messo fine alle polemiche iniziate mesi fa riguardo i divieti di alcune scuole (ribaditi poi da alcuni Stati) nei confronti dei ragazzi transgender di usare il bagno corrispondente al loro nuovo ‘sesso’. «Vietare agli studenti transgender l’accesso ai bagni della scuola di loro scelta è una violazione del titolo IX (della Costituzione Usa), che non ammette la discriminazione nelle scuole che ricevono finanziamenti federali», ha detto la Corte. Il possibile divieto ai transgender resta però un’ipotesi praticabile soltanto nelle scuole private dal bilancio autonomo. Ma le polemiche non si arrestano, perché ora si passa anche alle vie di fatto, ossia alle aggressioni. A denunciarne una Pearl Love, transgender che dice di essere stata oggetto di insulti e di un attacco anche fisico in un treno della metro di New York. La donna ha anche postato le immagini. Pearl, un’assistente sociale per la rete Latina Trans, pubblicando il filmato sulla sua pagina Facebook ha commentato: «Così ora si può capire che cosa sta succedendo nella mia vita di tutti i giorni. Questo accade tutto il tempo. Ma è la prima volta che c’è la registrazione».

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->