martedì, Maggio 18

USA, tra i più ammirati del 2015 spunta Donald Trump

0

Barack Obama e Hillary Clinton sono ancora i personaggi più ammirati negli USA. A certificarlo l’annuale sondaggio di Gallup. Per la ventesima volta dal 1993, la Clinton, probabile candidata democratica alle presidenziali del 2016, è la donna più ammirata negli States con quasi il 13% delle preferenze. Alle sue spalle Malala Yousafzai, attivista pachistana e premio Nobel per la pace nel 2014 (5%), la conduttrice televisiva, attrice e produttrice cinematografica Oprah Winfrey e la first lady Michelle Obama. Per il presidente americano si tratta invece dell’ottavo successo dal 2007. Oltre il 17% dei consensi per Obama, che ha chiuso davanti ad un duo davvero inedito, composto da Papa Francesco e Donald Trump, fermi al 5%. A far scalpore soprattutto la seconda piazza del magnate americano, in corsa tra i repubblicani per la candidatura alle prossime presidenziali. «La straordinariamente forte e controversa campagna di Trump lo ha reso un nuovo, prominente personaggio di quest’anno», ha scritto Jeffrey Jones di Gallup sul voto a Trump. Di sicuro i suoi dibattiti televisivi ma soprattutto le sue continue provocazioni lo hanno portato nuovamente alla ribalta e, a quanto pare, nel cuore degli americani. E i suoi detrattori, che da sempre parlano di Trump come di un fuoco di paglia pronto a spegnersi con il passare delle settimane, cominciano a temere che alla fine il magnate possa spuntarla davvero in casa Repubblicana e non solo.

Interessante poi la classifica di Gallup sui leader mondiali più popolari. In testa sempre Obama con il 59% dei voti a suo favore e il 29% dei voti negativi, seguito dalla tedesca Angela Merkel, vista positivamente dal 42%, con il 29% delle valutazioni negative. Sul podio il premier britannico David Cameron (37% dei voti favorevoli, 28% dei voti contrari), mentre quello francese Francois Hollande finisce al quarto posto. Putin? Solo ottavo ma in risalita.

(video tratto dal canale Youtube di USA Today)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->