venerdì, Aprile 16

Usa, Russia e Cina: ecco le maggiori potenze militari

0

Quali sono le maggiori potenze militari? A dirlo è il ‘Global Firepower Index‘, che analizza la situazione di 126 Paesi con i più potenti eserciti del mondo. Lo studio si basa su 50 fattori, tra cui il bilancio militare di ciascun Paese, la sua forza lavoro, la quantità di mezzi presenti nel proprio arsenale e le risorse naturali.

In testa, neanche a dirlo, gli Usa con 2,5 mln di militari ma soprattutto un budget di oltre 581 miliardi di dollari, oltre a numeri di aerei e sottomarini decisamente superiori agli altri. Sul podio Russia e Cina, che possono sì contare sul doppio dei militari, ma hanno mezzi finanziari decisamente inferiori, oltre ad attrezzature. Anche se Mosca si difende bene sotto il punto di vista dei tank, che sono oltre 15mila. Segue l’India mentre la Francia è quinta, prima europea, che precede Gran Bretagna, Giappone, Turchia e Germania. Decima l’Italia, che può contare su 362mila soldati e un budget di 34 miliardi di dollari. Sorprende l’Egitto, dodicesimo e primo dei Paesi nordafricani. Solo sedicesimo Israele con 790mila unità, mentre il Vietnam, pur con conti ridotti (poco più di 3miliardi di spese), può avvalersi di oltre 5 milioni di possibili soldati.

L’indice non tiene conto di diversi fattori, come gli arsenali nucleari, che sono ancora la carta vincente nell’ambito della geopolitica.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->