lunedì, Agosto 2

Usa: primarie Nevada – South Carolina, vittorie per Trump e Clinton field_506ffb1d3dbe2

0

Nuova tornata di primarie negli Usa. A vincere Donald Trump in South Carolina e Hillary Clinton in Nevada, tornando a sfoggiare una certa sicurezza nei propri mezzi che sembrava essersi perduta dopo i primi voti. Tra i repubblicani comincia a farsi chiaro il campo dei contendenti, che ora si è ridotto a tre: primo Trump, che ha sbaragliato la concorrenza ottenendo il 32,5 per cento dei voti. chiudendo davanti a Marco Rubio (22,5%) e Ted Cruz (21,7%). Il magnate newyorchese, che per tutte le ultime due settimane è entrato in polemica con chiunque, persino il Papa, non ha patito alcuna difficoltà. Fuori in maniera definitiva Jeb Bush, che ha annunciato il suo ritiro dalla corsa alle presidenziali. Sconfitte nette per Ben Carson e John Kasich, che però sembrano non voler mollare ancora la presa. Di certo i risultati del prossimo Super Tuesday (1° marzo), dove si voterà in ben sette Stati, potrebbero essere il momento per l’uscita di scena anche di questi ultimi due pretendenti, con la corsa a tre che finalmente sarà davvero ufficiale. Favorito, anche in questo caso, Trump, visto che si voterà in Stati del Sud o comunque a maggioranza conservatrice.

Tra i democratici l’ex-First lady vince con il 52,7%, ma Bernie Sanders la tallona sempre di più, chiudendo con il 47,2%. A pesare è il voto ispanico, con Sanders che è riuscito a scalfire uno dei pilastri della Clinton ed erodendo il suo vantaggio: addirittura, secondo alcuni sondaggi, il 53% degli ispanici ha votato per Sanders, cosa inimmaginabile qualche settimana fa. «La verità è che noi non siamo un Paese da un unico tema. Abbiamo bisogno di qualcosa di più che un piano per le banche. E’ la classe media che ha bisogno di crescere», ha detto Hillary nel suo discorso finale. Ora alla Clinton non resta che tornare a mostrare i muscoli in Nevada e poi nel Super Tuesday, dove una forte presenza di elettorato afro-americano e tendenzialmente conservatore potrebbe favorirla. Ma il senatore del Vermont ormai incalza: «Poche settimane fa eravamo dietro di 25 punti in Nevada. Abbiamo recuperato gran parte dello svantaggio e proseguiamo la campagna col vento in poppa».

https://youtube.com/watch?v=9YtTb-_T4w8

(video tratti dai canali Youtube di CNN e Associated Press)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->