venerdì, Settembre 17

Usa, per i neri le discriminazioni continuano anche in campo militare

0

Poiché il razzismo istituzionalizzato è lentamente ma certamente cresciuto a tutti i livelli della società americana, l’esercito statunitense non si è dimostrato diverso da qualsiasi altro settore. Sulla base di uno studio di Stanford, risulta che gli ufficiali di polizia sono meno rispettosi degli afro-americani.

Il nuovo rapporto rivela che le truppe di colore sono chiamate più spesso dei bianchi davanti alla corte marziale o subiscono altre forme di punizione militare. Un’organizzazione di difesa per le vittime di abusi sessuali e giustizia militare, la Protect Our Defenders, ha pubblicato la propria  relazione e ha scoperto che i soldati neri sono due volte più soggetti delle truppe bianche ad affrontare questioni disciplinari.

I corpi maggiormente indicativi in tal senso sono la Air Force e i Marine, che presentano i più elevati tassi di azioni disciplinari contro le truppe di colore.

«Negli ultimi dieci anni, le disparità razziali hanno persistito nel sistema della giustizia militare senza indicazioni di miglioramento», afferma il rapporto. «Queste disparità sono particolarmente evidenti per i soldati neri, che affrontano la giustizia militare o l’azione disciplinare a tassi molto più elevati rispetto ai membri banchi in ogni settore di servizio. Infatti, la dimensione della disparità è rimasta stabile negli anni e, nel caso dell’Air Force e dei Marine è aumentata».

In un anno medio, i marines neri hanno avuto 2,6 volte più probabilità di finire sotto il tribunale militare rispetto ai proprio compagni bianchi. Lo studio ha anche scoperto che i membri di colore dell’Air Force hanno il 71% in più di probabilità rispetto ai bianchi di affrontare la giustizia militare. Nell’esercito il tasso scende a ‘solo’ il 61%.

Molti pensano che la mancanza di diversità nella leadership militare contribuisca al problema. Nel 2016 circa il 78% degli ufficiali militari erano bianchi e l’8% era di colore. Insomma il beneficio del dubbio non è concesso ai neri negli Usa, nell’esercito così come nelle altre attività. E siamo nel 2017…

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->