domenica, Giugno 20

USA: le migliori gaffe di Sarah Palin Nel 2008 affossò McCain e ora Trump. Ecco una carrellata di tutte le sue 'strane' dichiarazioni

0

Nel 2008 riuscì con le sue performance ad affossare la candidatura alla Casa Bianca di John McCain. Stavolta Sarah Palin ha scelto Donald Trump e chissà se in casa repubblicana qualcuno stia incrociando le dita. L’ex governatrice dell’Alaska ha appoggiato nell’ultima convention in Iowa il miliardario newyorkese. Per la Palin, decisamente in ombra negli ultimi tempi, pare l’occasione per il rilancio ma i ‘maligni’ dicono che sia un tentativo per fare sua la poltrona della vicepresidenza. Peccato che, a poche ore dall’endorsement a Trump, è arrivata la notizia dell’arresto del figlio maggiore della Palin, accusato di violenze dalla fidanzata.

Una parabola breve quella dell’ex governatrice, costellata di tante gaffe che hanno messo in cattiva luce lei e il partito. Nel 2008 famosa fu anche l’unica intervista che diede in tv, quella alla giornalista, Katie Couric, che la demolì dal punto di vista politico, smascherando la sua ‘ignoranza’ e inadeguatezza: Sarah Palin affermò infatti di essere esperta di politica estera e che leggeva tanti giornali ma non fu in grado di nominarne neanche uno. Ma non solo: dimostrò di non avere idea delle misure per salvare le banche approvate dall’amministrazione Bush. Ecco un piccolo video in cui si riassumono le piccole ‘chicche’ firmate Sarah Palin.

(video tratto dal canale Youtube del The Telegraph)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->