lunedì, Ottobre 25

Usa, ecco le immagini dell’arrivo del freddo polare Una tempesta, che si sta sviluppando nel Midwest e nel nord-est, aprirà le porte all’aria più fredda, che si riverserà negli Stati Uniti meridionali

0

Aria artica minaccia ancora una volta gli Usa. Già da oggi neve e ghiaccio nella parte ovest del Paese. Secondo i meteorologi di ‘AccuWeather’, «una tempesta che si sta sviluppando nel Midwest e nel nord-est aprirà le porte all’aria più fredda, che si riverserà negli Stati Uniti meridionali. Questa ondata di aria fredda sarà accompagnata anche da alcune precipitazioni ghiacciate».

Un fronte freddo che andrà dal Texas al Tennessee e all’Alabama e più a nord verso la Georgia. Le temperature massime tra martedì e giovedì si manterranno sotto lo zero da Oklahoma alla Tennessee Valley e tra i -1°C e i 4°C dal Texas alle Carolina, inclusa la Florida settentrionale, dove le temperature notturne scenderanno oltre i -6°C. Dopo la fine di questa tempesta, l’attenzione sarà rivolta verso un nuovo sistema che potrebbe portare un altro periodo di tempo gelido in Texas nel corso di questa settimana.

Secondo gli scienziati comunque, la ragione di questo freddo eccezionale risiede nei cambiamenti del cosiddetto vortice polare, un’area di bassa pressione che staziona sopra al Polo nord. Caratterizzata da freddo intenso, questa area si restringe in primavera e si amplia in autunno, tuttavia dimensioni e cicli sono sempre più influenzati dalle attività umane e da altri eventi naturali. Questo evento non stupisce per le temperature minime, tanto per i giorni consecutivi con cui sta imperversando.

Si tratta comunque di un evento eccezionale che non ha nulla a che vedere col riscaldamento globale prodotto dai cambiamenti climatici. E intanto proprio dall’Oklahoma arrivano le immagini impressionanti del fronte freddo che si abbatte sullo Stato.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->