venerdì, Luglio 30

Usa: la Nuova California chiede di essere un nuovo Stato Gli attivisti: 'Dopo anni di politica fiscale, regolamentare e monopolistica, lo Stato della California e molte delle sue 58 contee sono diventate ingovernabili'

0

Un gruppo di attivisti ha dichiarato l’indipendenza per lo Stato della Nuova California, nel tentativo di lasciare le enclavi liberali costiere della California e creare un 51° Stato degli Usa. «Nello stato attuale la California è governato da una tirannia», si legge in un documento pubblicato dal gruppo.

«Dopo anni di politica fiscale, regolamentare e monopolistica, lo Stato della California e molte delle sue 58 contee sono diventate ingovernabili», continua il documento che presenta la Nuova California e la sua richiesta. Il nuovo Stato lascerebbe fuori la regione costiera che si estende dalla zona della Baia di San Francisco verso sud fino all’area di Los Angeles. Anche l’area di Sacramento e la regione vinicola della Napa Valley sarebbero escluse e rimarrebbero nella California originaria.

«La storia dell’attuale Governatore e Governo della California è una storia di ripetuti infortuni e usurpazioni, tutte aventi come obiettivo diretto l’istituzione di una Tirannia sulle Contee della Nuova California e lo Stato della California», si legge nella dichiarazione d’indipendenza. «Ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo diventa distruttiva per questi fini, è il diritto del popolo a cercare un rimedio costituzionale all’abuso di potere. Noi cittadini delle Contee della Nuova California pubblichiamo e dichiariamo solennemente che queste contee sono, e del diritto dovrebbe essere, uno Stato libero e indipendente, che ci sforziamo di essere liberi dallo Stato della California, e che come Stato libero e indipendente, ha il pieno potere di stabilire e mantenere la legge e l’ordine, promuovere la prosperità generale e fare tutti gli altri atti e cose che un Nuovo Stato della California Indipendente può legittimamente fare».

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->