lunedì, Aprile 12

USA, la Marina lancia la sua 'linea verde' Inviate alcune navi da guerra alimentate da energia alternativa nel Pacifico

0

La Marina USA ha dato il via al suo restyling verde, schierando la sua Great Green Fleet, ossia la grande flotta verde. L’inaugurazione il 20 gennaio, con l’invio di navi da guerra alimentate da energia alternativa nel Pacifico, tre anni dopo le polemiche sul prezzo dello sviluppo di nuovi carburanti che hanno animato il dibattito del Congresso.

La cerimonia che ha dato il via alla distribuzione del biocarburante è avvenuta sotto gli occhi del Segretario della Marina Ray Mabus e del segretario all’Agricoltura Tom Vilsack presso la Naval Air Station North Island vicino a San Diego. Entrambi si sono detti entusiasti di questo cambiamento: l’uso dei biocarburanti potrebbe infatti migliorare, secondo loro, la flessibilità operativa della Marina e al contempo migliorare l’economia agricola degli Stati Uniti. Un’attenzione quella della Marina a queste fonti alternative che arriva dopo il calo del 70 per cento del prezzo del petrolio. Una nave che utilizza un sistema di propulsione doppia elettrico-diesel può rimanere sul campo tre volte più a lungo di una nave a propulsione convenzionale. Ma non è la sola tecnologia che si sta sperimentando. Mabus, in una intervista alla Reuters, ha confermato che la Marina si sta concentrando su energia e tecnologie per il risparmio energetico.

(video tratto dal canale Youtube di Wochit Tech)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->