martedì, Settembre 28

USA: in Iowa Cruz batte Trump field_506ffb1d3dbe2

0

Battuta d’arresto per Donald Trump nelle primarie in casa dei repubblicani negli USA. Nel primo stato in cui si è votato, l’Iowa, ecco arrivare la sorpresa: a vincere è stato il rivale, Ted Cruz, che è risultato primo con 51.000 voti (28%) contro i 44.800 del magnate di New York (24%). Uno stato, l’Iowa, su cui Cruz nelle settimane precedenti aveva puntato molto, battendolo in lungo e in largo.

A sorprendere però è stato Marco Rubio, distante di molto dagli avversari nei sondaggi ma che ha chiuso a pochissima distanza da Trump. Tra i due solo 2.300 voti di distacco, segno che Rubio, se confermerà la sua ascesa tra una settimana in New Hampshire, potrebbe diventare un outsider pericoloso, visto che rifiuta l’estremismo ideologico di Cruz e mal digerisce l’esterno ed ‘estraneo’ al partito Trump, attirando su di sè l’elettorato moderato del partito repubblicano. Male invece Christie, Bush, Kasich, mentre a ritirarsi per il momento è stato solo Huckabee, che ha racimolato solo il 2%, come gli altri. Ma gli esperti pensano che già a fine febbraio, dopo i voti di South Carolina e Nevada, possa definitivamente essere corsa a tre in Casa Repubblicana.

Tra i democratici invece è lotta serrata tra Hillary Clinton e Bernie Sanders. L’ex first lady ha vinto di pochissimo sul rivale, evitando la sconfitta, come accaduto nel 2008 contro Barack Obama. I sondaggi davano Sanders favorito, ma alla fine nessuno è uscito vincitore. Certo è che in cassa democratica la sfida si fa molto più incerta rispetto non solo alla compagine avversaria, ma anche rispetto alle scorse primarie. Ora i due sono attesi dal New Hampshire, ma la sfida vera sarà nei grandi stati, dove molto probabilmente emergerà il candidato più forte.

 

(video tratti dai canali Youtube di Euronews e Associated Press)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->